Cannabis coltivata in casa: 16 parlamentari (Pd, M5S, +Europa) si autodenunciano

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Giugno 2020 11:21 | Ultimo aggiornamento: 25 Giugno 2020 11:21
Cannabis, 16 parlamentari la coltivano in casa

Cannabis, piante per la produzione di cannabis (Ansa)

ROMA – Sedici parlamentari di maggioranza (Pd, M5S e +Europa) si sono autodenunciati sui social network: coltivano cannabis nelle loro abitazioni.

Lo fanno nell’ambito di una battaglia politica per la legalizzazione di marijuana e derivati.

Oggi il sit in a Montecitorio promosso da MeglioLegale per sensibilizzare il Parlamento, l’iniziativa coinvolge al momento duemila “autodenunciati” per la produzione domestica di cannabis.

I quattro parlamentari che hanno deciso di autodenunciarsi pubblicando un video sui propri social sono Mantero, Magi, Penna, Sodano.

I parlamentari appoggiano una piattaforma di discussione delle ricadute economiche della depenalizzazione.

Secondo uno studio citato si potrebbero creare 350mila posti di lavoro e far incassare all’erario tre miliardi di euro.

Di seguito la lista dei parlamentari di Pd, M5S e +Europa che hanno già avviato la coltivazione o che si accingono a farlo, avendo ricevuto il seme da MeglioLegale.

Riccardo Magi, Matteo Mantero, Aldo Penna, Michele Sodano, Conny Giordano, Doriana Sarli, Caterina Licatini.

Carmen Di Lauro, Chiara Gribaudo, Andrea Romano, Enza Bruno Bossio, Teresa Manzo, Elisa Tripodi, Michele Usuelli, Carmen Di Lauro e Luigi Sunseri.

Davanti al Parlamento l’iniziativa dei promotori della campagna #Iocoltivo.

Vi hanno aderito venti parlamentari Cinquestelle, tre Pd, Roberto Giachetti di Italia Viva, Antonio Tasso del Gruppo Misto, Riccardo Magi di + Europa.

Tra i Cinquestelle figurano, tra gli altri, Giuseppe Brescia, Elio Lannutti e Barbara Lezzi.

Tra i Pd ci saranno Enza Bruno Bossio, Chiara Gribaudo, Giuditta Pini. (fonte La Repubblica)