Cannabis in regalo con la rivista The Botanist: “Così mostriamo come è fatta la canapa”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 giugno 2018 13:31 | Ultimo aggiornamento: 22 giugno 2018 13:32
Cannabis legale in regalo in edicola con The Botanist

Cannabis in regalo con la rivista The Botanist: “Così mostriamo come è fatta la canapa”

ROMA – La cannabis legale arriva in regalo in edicola. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] La rivista The Botanist ha aggiunto un omaggio di 1 grammo di cannabis per “mostrare come è fatta la canapa nel rispetto delle leggi”. Gli edicolanti preoccupati hanno chiamato i carabinieri per sapere se fosse possibile la vendita: “Corriamo rischi se esponiamo la rivista”. Per la società italiana di tossicologia, invece, la vendita anche se legale avvicina i cittadini agli stupefacenti.

Dagospia riporta l’articolo apparso sul Messaggero in cui si parla della rivista, venduta a 13.90 euro, nelle edicole italiane. La distribuzione di The Botanist è iniziata in Veneto e alcuni edicolanti di Padova hanno chiamato i carabinieri:

“In particolare, il leader locale di Fenagi (federazione nazionale giornalai), Marco Bazzolo, ha chiesto lumi alla Confesercenti nazionale (di cui l’ associazione fa parte) che ha suggerito agli edicolanti di non vendere il prodotto in attesa di chiarimenti dal Ministero della Salute. A Roma, invece, gli edicolanti non hanno ancora ricevuto la rivista, ma la anche la Fenagi ha ribadito: «In una situazione di vuoto normativo, il titolare dell’ edicola corre dei rischi se espone la rivista».

Ma come è possibile che in edicola, dove magari un bambino va ad acquistare l’ ultimo numero di Topolino e un adolescente quello di Dylan Dog, venga esposta una bustina di cannabis, per quanto light? Sul sito del distributore (che ha sede in Veneto) c’ è la spiegazione dell’ editore (Gw edizioni): «Per far meglio comprendere ai lettori com’ è fatta la canapa, si è scelto di allegare 1 grammo di infiorescenza di cannabis light, nel rispetto dei dettami della Legge 242 del 2 dicembre 2016 e della Circolare del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali del 22 maggio 2018». Insomma, la tesi dell’ editore della rivista, che ha cadenza semestrale, è che non si sta violando la legge”.

La Sitox, società italiana di tossicologia, appoggia invece il parere del Consiglio superiore della sanità, che chiede misure contro la libera vendita delle infiorescenze di canapa a basso contenuto di Thc:

“«Il business di prodotti alla marjuana promuove, di fatto, l’ avvicinamento del cittadino a uno stupefacente». La canapa legale «può essere stupefacente tanto quanto quella di strada, basta acquistare sufficiente prodotto e con metodi semplici ottenere un concentrato dagli effetti stupefacenti e tossici»”.