Capena, forte boato. L’INGV ha registrato una piccola scossa di terremoto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Ottobre 2020 16:14 | Ultimo aggiornamento: 5 Ottobre 2020 16:14
Capena, altro boato nella notte. Questa volta nessun terremoto registrato. Foto Ansa

Capena, altro boato nella notte. Questa volta nessun terremoto registrato (foto Ansa)

Un forte boato è stato avvertito ieri sera, domenica 4 ottobre, a Capena (Roma).

Il boato di Capena, da quel che fin qui è potuto accertare, sarebbe stato causato da un terremoto.

Terremoto di piccola magnitudo, 1,7, che è stato registrato dai sismografi dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

C’è poi chi parla di una altro boato che sarebbe stato avvertito poco dopo il primo.

Scrive il Corriere di Rieti:

“Una seconda esplosione, di minore entità, avvertita, stavolta, solo a Capena centro e in località Pastinacci, luogo della prima deflagrazione.

Ed è subito mistero in tutta l’area tiberina, per un fenomeno di cui, al momento, non si riesce a stabilire causa e origine, visto che di conseguenze, fortunatamente, non dovrebbero essercene state per le persone residenti.

Le quali, paura a parte, sono tutte illese, e si domandano, sia nelle piazze reali che in quelle virtuali, cosa sia realmente accaduto in quei minuti”.

Il sindaco di Capena, Roberto Barbetti ha spiegato di non aver ricevuto alcuna segnalazione, chiamata o richiesta di aiuto:

“Stiamo cercando di capire cosa abbia provocato quel boato – le parole del primo cittadino –.

Se da una parte è strano che un terremoto si palesi solo con un boato di quel tipo, è altrettanto strano che un’esplosione sotterranea possa aver attivato i sismografi”. (Fonti: Il Corriere di Rieti, La Repubblica, Il Corriere della Sera, Il Messaggero).