Capoterra (Cagliari): Vincenzo Crisponi massacrato di botte e ucciso dopo una lite

di redazione Blitz
Pubblicato il 13 febbraio 2018 20:31 | Ultimo aggiornamento: 14 febbraio 2018 8:09
Capoterra (cagliari): Vincenzo Crisponi massacrato di botte e ucciso dopo una lite

Foto Ansa

CAGLIARI – Vincenzo Crisponi è stato massacrato di botte e ucciso nel pomeriggio di oggi, martedì 13 febbraio, a Capoterra in provincia di Cagliari. Il delitto sarebbe avvenuto al termine di una rissa scoppiata in un parco giochi della cittadina che sorge a circa 20 chilometri da Cagliari, in via Satta.

L’episodio è avvenuto intorno alle 17: al 118 è arrivata una richiesta d’aiuto per un uomo a terra da alcuni passanti. Sul posto è subito arrivata un’ambulanza. I medici hanno tentato a lungo di rianimarlo, ma non c’è stato nulla da fare. In via Satta sono arrivati i carabinieri che hanno transennato la zona e avviato le indagini.

L’aggressione è stata compiuta da una o due persone ed è avvenuta in un parco giochi. A quanto pare Crisponi ha avuto una violenta discussione con altre persone, poi dalle parole si sarebbe passati alle mani. Il 56enne sarebbe stato colpito ripetutamente, finendo a terra. L’aggressore, o gli aggressori, sono poi fuggiti.

I militari adesso stanno cercando di ricostruire tutta la vicenda e stabilire le ragioni della lite. Alcune persone sono state già portate in caserma. A quanto parte la vittima era già nota alle forze dell’ordine.