Capotreno aggredito da migrante sul treno Foggia-San Severo: salvato da finanziere

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Febbraio 2020 14:41 | Ultimo aggiornamento: 4 Febbraio 2020 14:41
Capotreno aggredito su treno Foggia-San Severo e salvato da finanziere

Capotreno aggredito da migrante e salvato da finanziere (Foto repertorio ANSA)

FOGGIA – Un capotreno ha chiesto il biglietto a un uomo di origine libica che in tutta risposta l’ha aggredito e minacciato. Solo l’intervento di un finanziere che non era in servizio è riuscito a scongiurare il peggio e fermare l’aggressione. L’episodio è avvenuto su un treno della tratta ferroviaria Foggia-San Severo una settimana fa, ma solo il 4 febbraio è stato reso noto su diversi quotidiani.

Secondo quanto riferito da Sonia Dinolfo su Il Giornale, il capotreno stava chiedendo i biglietti quando è arrivato davanti al suo aggressore, uno libico di 39 anni senza fissa dimora. Alla richiesta di esibire il biglietto, pena una sanzione, l’uomo ha iniziato a inveire contro il capotreno e minacciarlo.

Tra i passeggeri che hanno avvertito le grida c’era anche un finanziere fuori servizio e in forza a San Severo, che vedendo la situazione di tensione è intervenuto e ha bloccato il libico prima che potesse aggredire fisicamente il capotreno. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di resistenza a un incaricato di pubblico servizio e portato nella casa circondariale di Foggia. (Fonte Il Giornale)