Carabinieri, operazione “Mamuthones”. Comunità sarde: “Alfano chieda scusa”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 novembre 2014 14:03 | Ultimo aggiornamento: 5 novembre 2014 14:09
Mamuthone di Mamoiada

Mamuthone di Mamoiada

ROMA – I carabinieri di Viterbo avevano denominato un’operazione contro la malavita organizzata “Operazione Mamuthones”. Mamuthones altro non sono che alcune tipiche maschere del carnevale di Mamoiada in Sardegna.

E ora l’indignazione della comunità di Mamoiada (Nuoro) ha spinto il deputato Mauro Pili (Unidos-Misto) a presentare al ministro dell’Intero Angelino Alfano un’interrogazione per stigmatizzare la scelta del nome.

“Il ministro dell’Interno deve chiedere scusa senza se e senza ma”, afferma il parlamentare sardo Pili, a difesa delle famose maschere simbolo del paese di Mamoida. “I Mamuthones non hanno e non possono avere alcun legame con la malavita. Testimonianze orali riportate da diversi studi attestano che i Mamuthones sfilavano già nel XIX secolo, ma alcuni sostengono, invece, che il rito risalga all’età nuragica, come gesto di venerazione per gli animali, per proteggersi dagli spiriti del male o per propiziare il raccolto”.