Carcere di Poggioreale, detenuto evade col lenzuolo: alert sonoro non ha funzionato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Settembre 2019 17:31 | Ultimo aggiornamento: 5 Settembre 2019 17:39
Carcere Poggioreale

Il carcere di Poggioreale a Napoli (Foto archivio ANSA)

NAPOLI – L’alert sonoro delle telecamere del carcere di Poggioreale non ha suonato quando il detenuto Robert Lisowski è evaso lo scorso 25 agosto a Napoli. Due inchieste, svolte dalla DAP e dalla Procura di Napoli, svelano dettagli sull’evasione del giovane polacco di 32 anni accusato di omicidio.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, il polacco si è costruito la fune per la fuga con un lenzuolo, ricavando tre strisce della larghezza di una decina di centimetri e della lunghezza di circa due metri, che ha nascosto ai controlli con il metal detector semplicemente usandole come fasce intorno al corpo, sotto la camicia. 

La domenica dell’evasione, erano 48 i detenuti (di due diversi padiglioni) che si stavano recando a messa, nella chiesa dell’istituto penale. A tenerli d’occhio c’erano sette agenti, lungo tutto il percorso. Lisowski, che si era preparato, anche fisicamente, all’impresa, ha colto l’attimo e si è nascosto dietro un muretto, quando il gruppo è giunto nei pressi della chiesa.

Poi indisturbato ha raggiunto il terrazzo della chiesa, dal quale è saltato, coprendo circa 4 metri di vuoto, su un pianerottolo (realizzato in epoca recente) e facendosi male. Il pianerottolo è un metro sottostante il muro di cinta. E’ stato facile raggiungerlo. Lì avrebbe annodato la fune (realizzata con strisce di un lenzuolo) al corrimano. Poi si è calato. A questo punto l’allert sonoro delle telecamere avrebbe dovuto segnalare quando stava accadendo.

Tutti i detenuti che si stavano recando a messa sono stati sottoposti a controlli con il metal detector. Con una perquisizione personale (ma ci sarebbe voluto molto più tempo e molti più agenti) si sarebbero potute scoprire le strisce di lenzuolo. Da una ispezione eseguita sul muro di cinta “incriminato” dopo l’evasione, sarebbero emerse una serie di criticità sul piano della sicurezza a cui si dovrà assolutamente porre rimedio.

La ricostruzione della fasi della fuga, anche grazie alla collaborazione del polacco (arrestato poche ore dopo dalla Polizia), farebbe pensare che Lisowski abbia veramente fatto tutto da solo. La commissione d’indagine del Dap, come anche la Procura, sta comunque continuando la sua attività investigativa. Lisowski è stato catturato – claudicante ed esausto – dagli agenti della Polizia di Stato, in corso Garibaldi, sempre a Napoli, a poca distanza dal carcere dal quale era scappato, intorno alle 22 di lunedì 26 agosto. (Fonte ANSA)