Carmela Petrucci uccisa a Palermo: ergastolo per Samuele Caruso

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 febbraio 2014 17:33 | Ultimo aggiornamento: 26 febbraio 2014 17:34
Carmela Petrucci

Carmela Petrucci

ROMA – E’ stato condannato all’ergastolo Samuele Caruso, 24 anni, l’assassino di Carmela Petrucci, la ragazza di 17 anni uccisa il 19 ottobre 2012 a coltellate nell’androne di casa sua, in via Uditore a Palermo. Samuele è stato condannato anche per aver tentato di uccidere la sorella di Carmela, Lucia, sua ex fidanzata ferita nell’aggressione.

I genitori, Lucia e il fratello sono scoppiati in lacrime subito dopo la pronuncia della sentenza. In lacrime anche la nonna, che ha atteso fuori dall’aula. Il giudice ha riconosciuto una provvisionale da 500 mila euro ciascuno ai genitori e ai fratelli di Carmela. Mentre 20 mila euro ciascuno per l’associazione Le Onde e il Comune di Palermo.

Il gup ha accolto la tesi dell’accusa, secondo la quale non solo l’omicidio era premeditato, ma c’è anche l’aggravante dei futili e abietti motivi. Premeditato, secondo il pm, anche il tentativo di omicidio di Lucia. La difesa, sostenuta da Anna Pellegrino e Antonio Scimone, aveva puntato invece sull’assenza di premeditazione e sulla momentanea infermità mentale.

Carmela e Lucia, che frequentavano il liceo classico Umberto I di Palermo, quella mattina rientravano da scuola. La nonna, che era andata a prenderle in auto, le aveva lasciate davanti alla casa. Samuele è apparso all’improvviso. Lucia, spaventata dall’ex che aveva preso a perseguitarla con telefonate e sms, aveva citofonato al fratello gridandogli di aprire in fretta il portone. Ma l’assassino ha colpito prima Carmela e poi Lucia, uccidendo la prima.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other