Casamonica: minacce a giornalisti Agorà, due condanne

di Redazione Blitz
Pubblicato il 31 Agosto 2015 17:47 | Ultimo aggiornamento: 31 Agosto 2015 17:47
Casamonica: minacce a giornalisti Agorà, due condanne

Casamonica: minacce a giornalisti Agorà, due condanne

ROMA – Condanna a due anni e quattro mesi di reclusione per Vincenzo e Loredana Spinelli, appartenenti a una famiglia imparentata con il clan Casamonica, accusati di rapina per essersi avventati il 24 agosto scorso contro una troupe televisiva del programma di Rai 3 Agorà, impegnata in un servizio sui Casamonica nel quartiere Quadraro, strappando dalle mani di uno degli operatori il telefono cellulare che li stava riprendendo.

I giornalisti stavano girando un servizio nei giorni delle polemiche seguite al funerale show del boss Vittorio Casamonica, svoltosi con carrozza, cavalli e lancio di petali di rose da un elicottero. La sentenza è stata emessa dalla sezione feriale del tribunale di Roma, presieduta da Adele Rando. I coniugi Spinelli, entrambi trentenni e con piccoli precedenti penali, rimangono per il momento agli arresti domiciliari.

I due si erano difesi sostenendo di aver restituito il telefono dopo averne cancellato la memoria. In particolare, avevano invocato la la violazione della privacy e precisato che, se glielo avessero chiesto, avrebbero rilasciato un’intervista, come fatto in precedenza con altri giornalisti.