Cronaca Italia

Cefali trovati morti e senza occhi vicino Castel Volturno

cefali-morti

Caserta, strage di cefali: centinaia trovati morti e senza occhi vicino Castel Volturno

CASERTA – Una spiaggia piena zeppa di cefali morti. E’ ciò che i cittadini di Castel Volturno hanno osservato da qualche giorno. Come racconta Il Messaggero, da domenica il lungomare che parte dal Villaggio Coppola fino a Castel Volturno si è trovato sotto un tappeto di cefali morti, adagiati sulla spiaggia.

Come scrive Vincenzo Ammaliato sul quotidiano, erano centinaia le carcasse dei cefali spiaggiati sulla riva per un’estensione lineare di almeno cinquecento metri, dall’altezza del Royal Residence fino ai condomini del Parco delle Rose. Le carcasse si presentavano tutte col corpo rigido e nessuna aveva più gli occhi nelle orbite.

L’ipotesi più plausibile, quindi, come raccontato da alcuni pescatori della zona, che i cefali siano morti già da diversi giorni, tutti insieme, che giacevano nel fondo del mare e che la forte mareggiata di sabato li abbia spinti a riva nello stesso momento. Ma quale la ragione della morte? Il primo a salire sul banco degli imputati è senza dubbio il canale fognario dei Regi Lagni, la cui foce è a poche decine di metri dalla spiaggia del Villaggio Coppola. E proprio a ridosso di questa foce è stanziale una grossa colonia di cefali. Verosimile che i cefali spiaggiati domenica sulla costa Domiziana siano stati sorpresi tutti insieme mentre dalla foce dei Regi Lagni sia arrivata una grossa quantità di elementi chimici inquinanti, probabilmente detersivi o chissà quale altro orrore ambientale.

Purtroppo, i depuratori che servono l’ex canale Borbonico lavorano a regime ridotto e non sono adeguati al carico d’inquinanti che arriva negli impianti. Ma, soprattutto, sono sempre troppi gli scarichi illegali che avvengono lungo il corso del canale, e in quanto tali (illegali) non passano per nessun depuratore. Per cui, arrivano direttamente nel mare della città di Castel Volturno senza alcun trattamento. In uno di questi sversamenti si sarà imbattuto lo sfortunato gruppo di cefali morto sul colpo e poi arrivato a riva esamine domenica.

Ciò che ha suscitato ancor più interesse è il fatto che dopo le numerose segnalazioni dei residenti della fascia costiera, i pesci siano spariti nel giro di poche ore.

 

To Top