Castellamonte, prende la multa e fa il dito medio ai carabinieri: denunciato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 Aprile 2020 8:32 | Ultimo aggiornamento: 15 Aprile 2020 8:32
Carabinieri, Ansa

Ivrea, prende la multa e fa il dito medio ai carabinieri: denunciato (foto Ansa)

ROMA – Prendere una multa e fa il dito medio ai carabinieri. La storia è raccontata da La Stampa. Tutto è avvenuto a Castellamonte, provincia di Torino.

Protagonista della vicenda un 40enne canavesano, che domenica, dopo essere stato multato, ha inveito contro i carabinieri lanciando anche il verbale della multa appena incassata nel cortile della caserma (il tutto immortalato dalle telecamere di videosorveglianza).

Poi, tornando a casa, ad un posto di blocco vicino a Castellamonte, il 40enne ha suonato il clacson all’indirizzo dei carabinieri, già impegnati a controllare un’altra vettura, ha abbassato il finestrino e dopo averli insultati gli ha anche fatto il dito medio.

Il problema è che dall’altro lato della strada c’era un’altra pattuglia. Pattuglia che naturalmente ha fermato il 40enne. 40enne che ora, oltre alla multa, dovrà rispondere anche di vilipendio e oltraggio a pubblico ufficiale.  (Fonte: La Stampa).

Coronavirus Pasquetta, record di multe in un solo giorno: oltre 16mila

Record di persone multate in un solo giorno. Si tratta (come era prevedibile) del giorno di Pasquetta: su 252.148 controllate dalle forze di polizia, 16.545 sono risultate non in regola rispetto ai divieti sugli spostamenti, il 20,2% in più rispetto al giorno di Pasqua (13.756).

Secondo i dati diffusi dal Viminale, tra Pasqua e Pasquetta i controlli hanno riguardato complessivamente 465.713 persone, 30.301 delle quali (il 6,5%, contro una media dei giorni feriali che oscilla tra il 3 e il 4%) risultate non in regola.

Sempre a Pasquetta le persone denunciate per aver attestato il falso nell’autodichiarazione sono state 88, quelle denunciate per aver violato la quarantena imposta dalla positività al virus 29. I controlli di esercizi e attività commerciali sono stati 62.391 e hanno portato a sanzionare 146 esercenti e a chiudere 63 attività.  (Fonte: Ansa).