Castelnuovo Val di Cecina, travolta dal torrente in piena: Maria Grazia Milani è morta

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Aprile 2019 10:05 | Ultimo aggiornamento: 24 Aprile 2019 10:05
Maria Grazia Milani trovata morta nel torrente a Castelnuovo Val di Cecina

Castelnuovo Val di Cecina, travolta dal torrente in piena: Maria Grazia Milani è morta

PISA – Il cadavere della donna travolta dal torrente a Castelnuovo Val di Cecina martedì è stato ritrovato la mattina del 24 aprile dai vigili del fuoco. L’auto su cui viaggiava la vittima era stata travolta dalla piena e mentre il marito era riuscito a mettersi in salvo, la donna era stata trascinata via dall’acqua. Il ritrovamento del corpo è avvenuto a circa 5 chilometri da dove l’auto è stata inghiottita, in prossimità di un piccolo ponte dove c’è la stazione di rilevamento idrometrico della Regione Toscana.

Fabrizio Salvadori e Maria Grazia Milani, marito e moglie entrambi 80enni e originari di Milano ma da tempo residenti a Santa Margherita Ligure, vicino Genova. I due anziani coniugi erano in vacanza nella loro casa nelle campagne di Castelnuovo Val di Cecina e per raggiungere l’abitazione era necessario attraversare con l’auto il letto del corso d’acqua, che le abbondanti piogge avevano reso gonfio. 

Secondo quanto riferito dall’uomo, la mattina del 23 aprile avevano percorso il letto del fiume senza problemi, poi nel pomeriggio ci hanno riprovato. Lui è sceso dall’auto per saggiare, a piedi, la profondità del torrente, ritenendo di potercela fare: qualche metro e mentre le quattro ruote erano nell’alveo del torrente l’auto è diventata ingovernabile. L’uomo ha avuto la prontezza di mettersi in salvo gridando alla moglie di fare altrettanto, ma lei non ci è riuscita. La vettura è stata trascinata a valle per almeno 300-350 metri dalla corrente ed è stata ritrovata senza la donna all’interno.

Subito sono scattate le ricerche della donna, nella speranza che fosse riuscita ad aggrapparsi a qualche roccia o arbusto sfuggendo alla furia dell’acqua. La sera di martedì le ricerche sono state interrotte con l’arrivare del buio e sono riprese all’alba del 24 aprile, quando il corpo della donna è stato individuato dopo che il livello delle acque del torrente è andato progressivamente abbassandosi, una volta che sono terminate le abbondanti piogge delle scorse ore.