Fuga di gas, crolla palazzina a Catania: una vittima, bimba di 10 mesi in coma

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 febbraio 2017 12:06 | Ultimo aggiornamento: 26 febbraio 2017 12:08

CATANIA – Prima un forte boato, poi il crollo: una palazzina di tre piani è rimasta completamente sventrata dopo un’esplosione avvenuta nel cuore della notte tra sabato e domenica a Catania. Subito sono accorsi i soccorritori che si sono messi a scavare tra le macerie. L’edificio, situato all’incrocio tra via Archimede e via Crispi, ospitava sei appartamenti, tutti abitati. Nel crollo, una persona è morta. Si tratta di una donna anziana di 84 anni che abitava al secondo piano. Quattro i feriti. Due sono in codice rosso e tra loro c’è una bimba di 10 mesi, in coma farmacologico.

Molti hanno pensato a un terremoto e sono fuggiti in strada, ma la devastante esplosione è stata provocata dallo scoppio di una o più bombole di gas. Alcune persone sono state portate in salvo in buone condizioni. Ma i soccorritori hanno dovuto scavare per cercare i dispersi. Sul posto sono arrivate diverse squadre di Vigili del fuoco, oltre a polizia, carabinieri e sanitari del 118.

Secondo un testimone che abita nella zona, gli appartamenti al primo e terzo piano avevano le camere da letto nell’ala dello stabile rimasta in piedi. Quello del secondo piano, invece, aveva persone che dormivano proprio nella zona più colpita dall’esplosione. In quest’ultimo appartamento, in particolare, abitava la donna che è morta.