Catania: bimba di 4 anni affetta da talassemia muore al Policlinico

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 marzo 2018 15:45 | Ultimo aggiornamento: 30 marzo 2018 15:45
Inchiesta a Catania: bimba di 4 anni affetta da talassemia muore al Policlinico

Catania: bimba di 4 anni affetta da talassemia muore al Policlinico (foto d’archivio Ansa)

CATANIA – Una bimba di 4 anni affetta da talassemia è morta al Policlinico di Catania e su questa storia è stata aperta un’inchiesta.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

La Procura della Repubblica di Catania ha aperto una inchiesta sulla morte, avvenuta il 15 marzo scorso nel Policlinico del capoluogo etneo, di una bimba di 4 anni e mezzo affetta da talassemia che il 22 giugno scorso si era sottoposta al trapianto del midollo osseo nell’ospedale Bambin Gesù di Roma. Il reato ipotizzato è omicidio colposo contro ignoti.

La notizia è riportata dal quotidiano La Sicilia di Catania. A presentare una denuncia – esposto è stata la famiglia, che si è affidata all’avvocato Giada Maria Ciampi, dello studio Seminara & Associati, per verificare eventuali responsabilità dell’ospedale Bambin Gesù e del Policlinico di Catania. Sei mesi dopo l’intervento – scrive il quotidiano – la piccola presenta altalenanti episodi febbrili, dolori addominali e diarrea.

A febbraio a Roma è visitata per controlli sul decorso post operatorio e le sue condizioni sono definite “discrete”. Rientra a Catania, la febbre continua e il ritorno a Roma, dove i medici riscontrano una complicazione causata da una cistite che viene poi definita come “risolta”. Nuova prescrizione medica e rientro a Catania, dove però continuano febbre, dolori addominali, vomito, diarrea e un gonfiore addominale. Il 6 marzo il ricovero nel Policlinico di Catania, dove da esami emerge un bassissimo livello del valore delle piastrine e dell’emoglobina. La febbre non diminuisce. Il 10 marzo, secondo quanto raccontano i genitori, ha lancinanti dolori alla pancia. Il giorno successivo peggiora: continuano dolori e febbre. Sempre domenica viene sottoposta ad elettrocardiogramma e radiografia e viene intubata a causa di problemi respiratori.

Le condizioni – riporta ancora il quotidiano – sembrano migliorare ed il 12 marzo un campione del suo midollo osseo viene spedito all’ospedale Bambin Gesù per essere analizzato. Il 14 marzo, ancora con difficoltà respiratorie, è trasferita in Rianimazione e sottoposta per due volte ad una Tac. Maria non riconosce più. Muore poco dopo la mezzanotte del 15 marzo.