Anziano coi 50 mila € nella borsa: “Maresciallo, me li custodite? Niente banche”

Pubblicato il 6 ottobre 2012 11:04 | Ultimo aggiornamento: 6 ottobre 2012 11:05

REGGIO EMILIA – Custodiva i risparmi di una vita in casa e per timore dei ladri si è rivolto ai carabinieri del suo paese chiedendo al comandante di custodirli in caserma poiché non si fidava delle banche. È accaduto a Cavriago, in provincia di Reggio Emilia, dove la venerdì mattina un novantenne del paese, con in mano una sportina della spesa colma di soldi, ha suonato il campanello della caserma: “Maresciallo, non mi fido delle banche, può custodire lei i miei risparmi?£.

L’insolita richiesta riguardava un tesoretto: il parsimonioso anziano, che pur vive della pensione di anzianità (500 euro al mese circa) riusciva a mettere da parte 5.000 euro l’anno arrivando in una decina di anni a mettere insieme 50.000 euro in contanti che custodiva in casa, all’interno di una busta della spesa riposta a sua volta all’interno di altre 14 sportine ognuna accuratamente chiusa.

Non si fidava delle banche, soprattutto temeva i ladri. I militari, condividendo i timori di eventuali “visite”, lo hanno fatto ragionare e hanno convocato la figlia in caserma, sopraggiunta con il direttore di una banca. L’anziano ha chiesto al maresciallo di contare i soldi i in loro presenza, per poi affidarli al direttore della banca in cui l’anziano per altro era già correntista.