Cellulare alla guida, il governo vuole togliere il divieto in alcuni casi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Maggio 2019 7:11 | Ultimo aggiornamento: 9 Maggio 2019 8:10
cellulare guida

Cellulare alla guida, il governo vuole togliere il divieto in alcuni casi

ROMA – “Non si può inibire del tutto l’uso del cellulare alla guida, quello che deve passare è il messaggio: non ci si può distrarre, ma è diverso se, per esempio si controlla lo smartphone per verificare la direzione che si sta prendendo, il percorso, o per consultare i social network”. Così il relatore per la Lega, Giuseppe Donina, parlando della riforma del codice della strada, all’esame della commissione Trasporti della Camera. Si sta quindi lavorando per definire con precisione, fissando i paletti per evitare interpretazione, alla norma per il divieto dell’uso del cellulare mentre si guida.

“Con i tecnici del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti quindi si sta cercando la formulazione ideale” per sanzionare le distrazioni “senza lasciare troppo spazio alle interpretazioni”, spiega Donina. “E’ un’operazione delicata”, riconosce il deputato leghista ma necessaria per “dare uno strumento” a chi deve poi sanzionare il guidatore in questione. La bozza del testo, nata dalle proposte della Lega e del M5s, prevede infatti, per chi viene colto con gli occhi su smartphone, portatili, notebook, tablet e dispositivi, multe che volano da 161-647 euro a 422-1.697 euro con la sospensione della patente da 7 giorni a 2 mesi (da innalzare se si reitera la violazione nel biennio successivo).

I lavori sul codice della strada in commissione riprenderanno già oggi, 9 maggio, ma prima di arrivare a un testo completo, con le integrazioni avanzate dalle opposizioni, serviranno, chiarisce Donina, “probabilmente altri dieci giorni”. L’approdo in Aula è quindi previsto, fa sapere, per il mese di “giugno”. (fonte ANSA)