Cerignola (Foggia), cava piena di rifiuti speciali, forse anche radioattivi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Maggio 2014 15:47 | Ultimo aggiornamento: 6 Maggio 2014 15:56
Cerignola (Foggia), cava piena di rifiuti speciali, forse anche radioattivi

(Foto Lapresse)

CERIGNOLA (FOGGIA) – Una cava piena di rifiuti pericolosi, forse radioattivi, è stata scoperta dai carabinieri del Noe a Cerignola, in provincia di Foggia. La cava è vasta circa cinque ettari, e nel terreno i militari hanno scoperto dei pezzi metallici che fanno sospettare la presenza di fusti con materiale radioattivo. Nella cava sarebbe stato “tombato” anche altro materiale speciale e pericoloso, come rifiuti ospedalieri, proveniente dalla Campania.

I militari stanno da giorni scandagliando numerose cave abbandonate nella provincia che sarebbero state utilizzate per ‘tombare’ un enorme quantità di rifiuti speciali e pericolosi provenienti dalla Campania. I sondaggi nelle cave sono condotti nell’ambito dell’inchiesta della Direzione investigativa antimafia di Bari su un traffico illecito dalla Campania che avrebbe portato in Puglia almeno 500.000 tonnellate di rifiuti anche speciali e pericolosi sotterrati in vari siti.

L’inchiesta ha portato l’11 aprile scorso all’arresto di tredici persone (un’altra è ricercata) implicate nel traffico illegale. Si tratta di amministratori, soci e autotrasportatori di società che lavorano allo smaltimento e al trattamento dei rifiuti. Lunedì 5 maggio i i carabinieri avevano trovato conferma alla presenza di rifiuti speciali in una cava di Apricena e giorni prima in un’altra cava abbandonata ad Ordona.