Lazzate: scritta “a morte i leghisti” nel cimitero dove è sepolto Cesarino Monti

Pubblicato il 4 settembre 2012 16:03 | Ultimo aggiornamento: 4 settembre 2012 16:05

MILANO – Sul muro del cimitero di Lazzate, dove è sepolto Cesarino Monti, è apparsa la scritta “A morte i leghisti”. Il figlio dell’ex sindaco e senatore del Carroccio, Andrea, chiede al partito di mobilitarsi. ”La risposta migliore che daremo a questi delinquenti e vigliacchi – spiega – è la grande festa in onore di Cesarino, che abbiamo organizzato per sabato 15 settembre. A questo punto invito alla mobilitazione tutti i leghisti e tutti i cittadini di Lazzate e della Padania. Saremo in tanti sabato e questa sara’ la risposta migliore”.

Sindaco di Lazzate dal 1997 fino a quando è morto lo scorso luglio, Cesarino Monti è sempre stato un fedelissimo di Umberto Bossi, che ha difeso a spada tratta, tanto che al congresso della lega lombarda dello scorso maggio, nonostante la malattia, si è candidato segretario contro Matteo Salvini (che poi è stato eletto con il 76% dei voti).

”Sappiamo che da anni mio padre era nel mirino di frange di estrema sinistra – ha ricordato Andrea Monti – già vittima in passato di minacce di sedicenti Brigate Rosse. Gli inquirenti ci diranno se anche questo atto arriva da quel mondo. Per me questi sono solo degli imbecilli e dei vigliacchi”.

”I codardi che hanno commesso questo vandalismo infame e i loro padrini politici – ha aggiunto il segretario leghista e vicesindaco di Lazzate Giuseppe Zani – sappiano che la Lega Nord Lazzate non si spaventa”.