Cesena, colpiscono con l’auto muretto laterale e finiscono nel fosso: morti 4 giovani

di redazione Blitz
Pubblicato il 14 Luglio 2019 9:44 | Ultimo aggiornamento: 14 Luglio 2019 11:11
cesena ambuulanza

Un’ambulanza in una foto Ansa

CESENA – A Cesena quattro giovani sono morti sul colpo poco dopo le 5 sulla via di Dismano, nella frazione cesenate di Sant’Andrea, a bordo di una Seat Leon.

Secondo una prima ricostruzione della Polstrada di Forlì e dei Carabinieri, l’auto su cui viaggiavano avrebbe toccato un muretto laterale, il conducente avrebbe perso il controllo e la vettura si è schiantata in un fosso rovesciandosi. Intervenuti i Vigili del fuoco che solo verso le 7 hanno estratto l’ultimo corpo. 

Le vittime sono quattro ragazzi di origine romena residenti a Forlì, di cui due fratelli entrambi minorenni: alla guida c’era un uomo di 36 anni, gli altri tre a bordo avevano 17, 19 e 14 anni. Il 14enne è stato l’ultimo a essere estratto da quel che restava della vettura intorno alle 7 dai Vigili del fuoco.

5 x 1000

Le operazioni di recupero dei corpi sono state particolarmente difficili: l’auto era completamente distrutta dopo il violento impatto, quasi irriconoscibile. Il tratto stradale in cui è avvenuto l’incidente è rettilineo e tra le prime ipotesi delle cause della tragedia ci sarebbero l’eccessiva velocità o un colpo di sonno. Le quattro salme sono a disposizione dell’autorità giudiziaria che potrà disporre eventuali esami tossicologici.

Sabato tragico: oltre a Cesena, altri cinque morti a Jesolo

Oltre a Cesena, quattro ragazzi sono morti a Jesolo in provincia di Venezia dopo che la loro auto è finta in un canale a Ca’ Nani. A bordo c’era una quinta ragazza che si sarebbe salvata. L’incidente è avvenuto lungo la strada regionale 43. La vettura è finita nel canale dopo la perdita di controllo del mezzo da parte del conducente. Oltre a questi quattro ragazzi, sempre a Jesolo nella notte è morto anche un motociclista. Un vero bollettino di guerra dunque, un sabato notte tragico sulle strade italiane. 

Fonte: Ansa