Arresti Cinque Terre: il principale indagato non risponde al gip

Pubblicato il 1 Ottobre 2010 19:49 | Ultimo aggiornamento: 1 Ottobre 2010 19:50

Si è avvalso della facoltà di non rispondere Graziano Tarabugi, geometra responsabile dell’ufficio tecnico del Comune di Riomaggiore (La Spezia), uno dei principali indagati nell’indagine sulla truffa ai danni dello Stato che ha portato in carcere, tra gli altri, l’ex presidente delle Cinque Terre Franco Bonanini.

Tarabugi è stato interrogato nella mattinata del 1 ottobre dal gip della Spezia Diana Brusacà. Assistito dagli avvocati Corini e Giromini, Tarabugi ha preferito non rispondere alle contestazioni del giudice. Intanto alle 10 di domani 2 ottobre il gip Brusacà si recherà al centro clinico del carcere di Don Bosco di Pisa per l’interrogatorio di garanzia dell’ex presidente del Parco nazionale delle 5 Terre Franco Bonanini che lì si trova ricoverato in stato di arresto da lunedì scorso.

Stamani i due medici nominati consulenti dal giudice spezzino hanno esaminato le cartelle cliniche e lo stato di salute dell’ex presidente delle Cinque Terre. La relazione sarà depositata in cancelleria dal giudice domani che potrà dunque pronunciarsi sulla istanza di scarcerazione proposta dall’ avvocato Marco Corini.