Circhi, 30 milioni di soldi pubblici. Lav: “Anche a quelli che maltrattano”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Marzo 2015 16:03 | Ultimo aggiornamento: 9 Marzo 2015 16:04
Circhi, 30 milioni di soldi pubblici. Lav: "Anche a quelli che maltrattano"

Circhi, 30 milioni di soldi pubblici. Lav: “Anche a quelli che maltrattano”

ROMA – Trenta milioni di soldi pubblici ai circhi. Anche quelli accusati di maltrattare gli animali. La denuncia arriva dalla Lav, la Lega anti vivisezione, che ha anche lanciato una petizione per interrompere questo flusso di denaro pubblico. In 5 anni sono 30 i milioni di euro arrivati ai circhi italiani grazie al Fondo unico per lo spettacolo.

“Nei circhi tutti gli animali, indistintamente, passano la loro intera vita sui camion che li trasportano – sottolinea la Lav – e, per quelli più fortunati, nelle ridotte gabbie in cui vengono posti quando il circo è attendato da qualche parte”.

Il problema, secondo la Lav, è che la legge vieta che i fondi siano destinati solo a strutture condannate definitivamente per maltrattamenti. Per i circhi “solamente” perquisiti i soldi arrivano comunque. Scrive la Lav:

“La legge prevede che i circhi non possano essere beneficiari di finanziamenti pubblici, solamente se condannati in via definitiva per maltrattamento di animali o se riconosciuti colpevoli di violazioni di disposizioni normative statali e dell’Unione Europea in materia di protezione degli animali – spiega l’organizzazione – Ciò comporta che anche i circhi inquisiti per maltrattamento, se non ancora condannati, continuino a ricevere finanziamenti pubblici”.