Ciro Ascione, ritrovato sui binari a Casoria il corpo del sedicenne scomparso

di redazione Blitz
Pubblicato il 24 gennaio 2018 9:09 | Ultimo aggiornamento: 24 gennaio 2018 10:20
Ciro-Ascione-scomparso-morto

Ciro Ascione, ritrovato sui binari a Casoria il corpo del sedicenne scomparso

NAPOLI – Sono finite le speranze per Ciro Ascione, il sedicenne di Arzano (Napoli), scomparso da sabato. Il suo corpo ormai senza vita è stato ritrovato martedì pomeriggio sui binari della stazione di Casoria. Il traffico ferroviario è stato sospeso dalle 17 e sul posto sono accorsi i poliziotti della scientifica per i dovuti rilievi.

Ciro era sparito sabato sera, poco prima di andare a mangiare una pizza con gli amici. Stava tornando da Napoli dove si era incontrato con la fidanzatina che abita nei Quartieri Spagnoli. E’ stata lei a vederlo ancora vivo per l’ultima volta, mentre entrava nella stazione di Toledo. Stando alla ricostruzione fatta attraverso le immagini di videosorveglianza, Ciro avrebbe raggiunto piazza Garibaldi in metropolitana.

Da lì avrebbe dovuto prendere il treno delle 21.25 per Casoria, ma non ci sono prove che sia entrato nella stazione centrale. Le immagini delle telecamere lo hanno ripreso mentre usciva dalla metro e percorreva la galleria Garibaldi. Poi però non è mai apparso sui binari. Ora il ritrovamento del suo cadavere lungo la linea ferroviaria dimostra che sul treno Ciro ci è salito. Le ferite rinvenute sul suo corpo fanno pensare ad una caduta dal treno in corsa.

I familiari hanno immediatamente sporto denuncia, dopo averne perso i contatti. Del caso si è interessata anche la trasmissione Chi l’ha visto? che proprio ieri ha rilanciato l’ultimo disperato appello del padre. La domanda che tutti si fanno è: come si fa a cadere da un treno? La famiglia esclude l’ipotesi suicidio. Forse qualcuno lo ha spinto, o forse è caduto per fuggire da un eventuale aggressore?

Anche la Procura di Napoli esclude l’ipotesi di un gesto volontario: si indaga per un incidente, magari indotto da un’aggressione o da un cattivo funzionamento del sistema di sicurezza delle porte, o omicidio. Indagini in corso anche su una telefonata anonima che nei giorni scorsi avrebbe annunciato la morte del ragazzo.