Ciro Immobile, arrestato lo zio per usura: sequestrati beni per 700mila euro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 febbraio 2015 11:15 | Ultimo aggiornamento: 24 febbraio 2015 11:16
Ciro Immobile, arrestato lo zio per usura: sequestrati beni per 700mila euro

Francesco Immobile, lo zio di Ciro (nella foto del Mattino a sinistra)

NAPOLI – Francesco Immobile, 71 anni, zio di Ciro, il giocatore del Borussia Dortmund, è stato arrestato. Immobile, con Andrea Gargiulo, è indagato insieme ad altre 4 persone dalla Procura della Repubblica che ha condotto le indagini dei finanzieri del Gruppo di Torre Annunziata.

Le indagini, come scrive Giovanna Sorrentino su Il Mattino di Napoli,

sono iniziate quando un noto avvocato civilista del foro oplontino denuncia i fatti alla finanza: si era rivolto, per conto di un amico, a Francesco Immobile, pregiudicato con precedenti per contrabbando di sigarette, per ottenere un prestito di 30mia euro. Lo zio del bomber glielo concede, a patto che l’uomo glieli restituisca con un tasso del 120% annuo. Con il passare dei mesi la vittima non riesce a pagare, quindi è costretto a chiedere altri prestiti per pagare Immobile. Ma finisce nelle mani di un altro usuraio, Andrea Gargiulo. Il tasso di interesse chiesto da quest’ultimo? Sempre lo stesso. In poco tempo i 30mila euro diventano 150mila.

La finanza ha sequestrato anche beni immobili riconducibili a Francesco Immobile e alla sua convivente, anche lei indagata: autovetture, moto, titoli, conti correnti, per un valore complessivo di 700mila euro.