Clochard muore in un camper, aveva 50 mila euro di risparmi

Pubblicato il 13 Marzo 2010 11:27 | Ultimo aggiornamento: 13 Marzo 2010 11:27

Un pensionato di 82 anni, Arturo Ruffino San Cataldo, originario della provincia di Catania, ma che da anni ormai viveva ai Piani di Imperia, all’interno di un camper posteggiato in strada Ronchi Brighei, è morto venerdì per cause naturali. Nel suo giaciglio, custoditi in due scatole di latta per i biscotti, nascoste in uno zainetto di stoffa, i carabinieri hanno trovato circa cinquantamila euro.

Per la precisione si tratta di 46.700 euro, in prevalenza con banconote da 100 euro, che rappresentavano i suoi risparmi. L’anziano, che in passato aveva lavorato come autotrasportatore per un’impresa di Torino, era rimasto vedovo e potrebbe essere stato per questo motivo che ha deciso di lasciarsi andare e di attendere la sua ora in quel camper che ormai tutti in zona conoscevano.

Non ha mai dato fastidio a nessuno ed era anche ben visto dai residenti. Tanto che sono stati alcuni vicini, non sentendolo da un paio di giorni, a entrare nel camper, scoprendo che era morto. Il suo corpo giaceva sotto le coperte. Da un primo esame risulta morto per cause naturali ma non è escluso che il freddo intenso dei giorni scorsi possa averlo indebolito. I carabinieri hanno informato l’autorità giudiziaria e hanno avvertito la famiglia che vive in Sicilia.