Colere (Bergamo), corpo carbonizzato trovato appeso al traliccio dell’alta tensione

di redazione Blitz
Pubblicato il 25 Novembre 2019 20:15 | Ultimo aggiornamento: 25 Novembre 2019 20:16
tralicci alta tensione

Tralicci dell’alta tensione (Ansa)

BERGAMO – Un corpo carbonizzato e tuttora non identificato è stato trovato oggi a Colere (Bergamo), in valle di Scalve, appeso a un traliccio dell’alta tensione. Sul caso indagano i carabinieri di Clusone (Bergamo): il corpo è stato notato poco dopo le 14 da un passante, che ha subito dato l’allarme. Il 118 ha subito inviato sul posto l’ambulanza e l’elisoccorso, ma l’intervento si è rilevato vano. Ora i militari dell’Arma stanno cercando di risalire all’identità dell’uomo e capire le cause della morte.

Al momento i carabinieri non escludono alcuna ipotesi sulle cause della morte. La zona è a circa un chilometro dal centro abitato di Colere, in un’area boschiva. Il traliccio è raggiungibile da un sentiero accanto al torrente Rino. Sul posto è intervenuto il capitano Daniele Falcucci, comandante della compagnia di Clusone dell’Arma. In zona non sono stati trovati mezzi di lavoro. L’alta tensione è ancora inserita e i soccorritori devono attendere che venga staccata per poter recuperare il corpo.

Gianlica Congera, le membra impiccate al traliccio 

Quanto accaduto in queste ore a Colere richiama alla mente la vicenda di Gianluca Congera, 50enne scomparso da Quartu Sant’Elena in provincia di Cagliari nel marzo del 2018. Nel febbraio di quest’anno, i resti del suo corpo impiccato a un traliccio e in avanzato stato di decomposizione erano stati trovato sempre a Quartu Sant’Elena da alcuni operai. 

Fonte: Ansa