Colf decapitata, assolto agente che uccise killer Federico Leonelli: “Legittima difesa”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 febbraio 2015 12:52 | Ultimo aggiornamento: 10 febbraio 2015 13:04

Colf decapitata, assolto agente che uccise killer Federico Leonelli: "Legittima difesa"ROMA – È stato assolto l’agente che lo scorso agosto sparò e uccise Federico Leonelli, l’informatico romano di 35 anni che aveva appena massacrato a coltellate e decapitato in una villa dell’Eur la colf ucraina Oksana Martseniuk. I magistrati hanno archiviato l’indagine riconoscendo che l’agente sparò per bloccare l’assassino ancora armato di una roncola e quindi agì per legittima difesa.

La famiglia Leonelli – come racconta e scrive Adelaide Pierucci del Messaggero – presenterà opposizione alla richiesta di archiviazione (…)Le drammatiche fasi dell’omicidio della donna accoltellata mortalmente e poi decapitata il 24 agosto sono state ricostruite dal sistema di videosorveglianza. Nel video si vede la colf che scorge Leonelli, ospitato in un monolocale indipendente dal resto della villa, lacerare con un coltello degli strofinacci stesi. Spaventata, la donna fugge. Ma Leonelli la rincorre e raggiungendola la colpisce e la decapita in giardino. Le immagini delle telecamere restituiscono anche i momenti in cui nella villa all’Eur arrivano i primi soccorsi. Su segnalazione dei vicini di casa che hanno udito le urla della donna, arrivano due volanti della polizia, i carabinieri ed i vigili del fuoco (…)