Concorsi pubblici, vincitori e non assunti. Dove vedere tutte le graduatorie

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 luglio 2015 16:57 | Ultimo aggiornamento: 30 luglio 2015 16:57
Concorsi pubblici, vincitori e non assunti. Dove vedere tutte le graduatorie

Concorsi pubblici, vincitori e non assunti. Dove vedere tutte le graduatorie

ROMA – Vincere un concorso pubblico e non avere il posto di lavoro. Sono più di 4mila i vincitori ancora non assunti. Lo rileva il ministero della Pubblica Amministrazione nel nuovo report, basato sul monitoraggio permanente. Sempre guardando alle graduatorie vigenti, gli idonei in lista risultano quasi 150mila. E’ un bacino a cui si può ricorrere, ma senza obbligo, si parla di assunzioni “eventuali”.

Sono quindi per la prima volta online, sul sito del dipartimento della Funzione Pubblica, i dati rilevati in tempo reale. Nel report si trovano tutti i dettagli, da cui risulta che il totale dei posti banditi per le graduatorie ancora in piedi oggi è pari a 37.551 per un complesso di vincitori già presi di 32.782 (ne rimangono fuori precisamente 4.140). I dati sono confrontabile con i predenti monitoraggi, quello relativo al 2014 e quello che si ferma al 30 aprile 2015 (uscito insieme ai dati aggiornati ad oggi).

L’ultima rilevazione poggia su un osservatorio permanente, che registra un aumento dei numeri: il dossier sul 2014 contava 3 mila vincitori da assumere. Ciò perché si è ampliata la base delle amministrazioni che hanno comunicato l’andamento delle graduatorie concorsuali vigenti per assunzioni a tempo indeterminato. Si è infatti passati da 2.007 enti registrati a 3.954, quasi il doppio. Lo stesso vale per gli idonei, ovvero quanti hanno passato le prove previste dai concorsi ma alla fine non sono rientrati tra i vincitori e quindi non hanno ottenuto il diritto all’assunzione, che per loro è solo “eventuale”, come scrive lo stesso monitoraggio. In questa situazione si trovano precisamente 147.351 persone.

La speranza di essere assunti si è tuttavia trasformata in realtà per 37.731 di loro. Tanto che alla fine risultino più numerosi gli idonei assunti che i vincitori. Anche qui, il confrontando tra i dati attuali e quelli del 2014 mostra un deciso rialzo nel numero degli idonei in lista (erano 84.080): ciò è dovuto più all’ampliamento della base di riferimento, ovvero delle amministrazioni coinvolte nel monitoraggio, che all’uscita di nuovi concorsi (visto il blocco del turnover).

Il controllo sui posti nella P.A. é previsto dal decreto firmato nel 2013 dall’ex ministro della P.a. Gianpiero D’Alia, sulla razionalizzazione della spesa pubblica (un provvedimento di spending review), proprio per fare luce sul personale già ‘reclutato’ a disposizione dello Stato. Occorre ricordare che la legge di Stabilità 2015, pur bloccando le assunzioni, per favorire il riassorbimento degli esuberi delle Province, salva le chiamate per i vincitori ancora in attesa.