Concorso scuola, è lotta tra prof: 163mila precari contro 60mila neolaureati

Pubblicato il 30 agosto 2012 11:15 | Ultimo aggiornamento: 30 agosto 2012 11:15
Docenti precari

(LaPresse)

ROMA  – Precari contro neolaureati: la lotta per diventare docente è iniziata. I primi sono 163mila e attendono, magari dopo aver già vinto il concorso nel 1999, il posto di ruolo a lungo atteso. I neolaureati sono 60mila e invece sperano di non rimanere esclusi e dover aspettare altri anni per avvicinarsi al mondo della scuola. Il ministro Francesco Profumo apre il concorso ad entrambi, parlando di una quota del 50% per ogni categoria. Ma ancor prima dell’arrivo del bando il prossimo 24 settembre, con la definizione delle modalità di accesso e delle prove, c’è già chi annuncia ricorso.

I POSTI – I posti in totale sono 11.892 per i post laureati ed altri 12mila circa per chi è inserito nelle graduatorie ad inserimento. Ma la carica degli aspiranti docenti è ben più sostanziosa: si prevedono tra i 160mila ed i 200mila candidati. Tra questi anche 163mila tra maestri e professori precari già da anni. Alcuni sono i vincitori delle graduatorie ad esaurimento, quelli che hanno vinto il concorso nel 1999, ma non sono ancora di ruolo. Altri sono addirittra vincitori del concorso del 1990, hanno passato i 50 anni di età e si vedono ancora precari.

I neolaureati o post laureati, di età comprese tra i 27 ed i 35 anni, saranno tra i 50 ed i 60mila::  30mila sono “laureati abilitati”, ma fuori graduatoria, circa 21 mila sono gli “aventi diritto a una cattedra” grazie ai Tirocini formativi attivi. E loro, i giovani che Profumo vorrebbe nelle scuole italiane, sfideranno i 110-140mila precari storici, che sperano di poter finalmente passare di ruolo.

L’ACCESSO – Al concorso potranno accedere i candidati che sono già abilitati all’insegnamento. Nelle scuole superiori questi saranno gli studenti che si sono laureati entro il 2002-2003, i vecchi corsi di laurea quinquennali, un anno prima per la laurea di 4 anni e un anno dopo, per la laurea di 6 anni.

L’IRA DEI PRECARI – Un requisito che ha scatenato le ire dei precari, che parlano di “lesione di un diritto”. Solo a loro andrebbero riservati i 24 mila posti a disposizione a settembre 2013 dovrebbero. Per questo i precari delle Gae, graduatorie ad esaurimenti, si sono ritrovati su Facebook. Sostenuti da sindacati e dal Pd annunciano battaglia per il posto che attendono da anni.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other