Concorso infermieri a Modena, in 6500 per un solo posto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Maggio 2015 11:18 | Ultimo aggiornamento: 14 Maggio 2015 11:18
Concorso infermieri a Modena, in 6500 per un solo posto

Concorso infermieri a Modena, in 6500 per un solo posto

MODENA – Un concorso per un posto da infermiere a tempo indeterminato. Online in 6500 si sono candidati, ma solo 4700 sono arrivati a Modena il 14 maggio per affrontare le prove. Una scritta, una orale e una pratica: questo il percorso che li attende. Ma i giovani, che arrivano soprattutto dal sud, non sperano nemmeno di vincere: per molti l’obiettivo è quello di entrare in graduatoria, ormai rassegnati alla grande concorrenza.

Franco Giubilei su La Stampa scrive che i ragazzi sono arrivati già al primo mattino e non è il primo concorso per molti:

“I primi sono arrivati in pullman già alle 6,30 dalla Campania, per uno dei tanti viaggi dal Sud d’Italia, come Tony Vitale, 23 anni, di Napoli: «Questo è il quinto o il sesto concorso cui partecipo, a un anno dalla laurea: siamo partiti ieri notte con tre pullman, più di cento persone. E’ l’unico modo per trovare un lavoro, anche perché giù da noi nel privato non si trova niente. Le selezioni cui ho partecipato sono state tutte al Nord, fra Emilia Romagna e Toscana. Al Sud i concorsi non vengono proprio indetti»”.

Queste sono solo preselezioni, poi ci saranno le prove a fine giugno:

“Marilena Santoro, 22 anni, da Brindisi, è una sua cara amica, hanno viaggiato insieme in bus dopo che Veronica l’ha raggiunta a casa sua: «Questo è il mio primo concorso ma in realtà non penso al posto, siamo in troppi: penso piuttosto alla graduatoria che resterà aperta tre anni e per cui questa selezione darà punteggio. Se uno spera di essere assunto parte già rassegnato, io invece sono sicura che ne farò anche altri. La notte scorsa abbiamo dormito in pullman, oddio, dormito si fa per dire… durante le soste abbiamo anche ripassato le ultime cose sul manuale»”.

Molti sono pronti a tentare, ma nessuno pensa davvero di vincere. L’obiettivo è entrare in graduatoria e fare esperienza:

“«Mi sono laureata lo scorso novembre e questo è il mio primo concorso – spiega Luigia Pastore, da Manfredonia – Uno non viene con la speranza del posto, sarebbe assurdo, ma con l’aspirazione di entrare in graduatoria. So già quale sarà il prossimo concorso cui parteciperò, al Fatebenefratelli a Milano il 4 giugno. Il fatto è che i concorsi escono solo al Nord, mentre a me piacerebbe tornare a lavorare dove mi sono formata, a San Giovanni Rotondo»”.