Confessa: “Faccio rapine per la cocaina”. Il giudice gli dà i domiciliari

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 ottobre 2017 11:26 | Ultimo aggiornamento: 5 ottobre 2017 11:27
confessa-rapine-coca-milano

Confessa: “Faccio rapine per la cocaina”. Il giudice gli dà i domiciliari

MILANO – Fermato dalla polizia, M. A., egiziano e milanese dello Stadera, confessa: “Faccio rapine per la cocaina”. E il giudice gli dà i domiciliari. Accusato di una rapina, il ragazzo ha detto di non saperne nulla per poi confessare di averne fatta un’altra. Sempre a Milano: “Della rapina in via Palmieri non so niente… Però vi dico che sono uno dei due autori della rapina la mattina del 26 settembre al bar-tabaccheria di Giovanni da Cermenate. Non ero mai entrato prima in quel negozio: mi era stato indicato da alcune persone come obiettivo agevole”.

“Ho trascorso la notte sui Navigli con un amico – racconta ancora l’egiziano – Intorno alle sei stavano rientrando e ci siamo passati davanti. Eravamo sotto l’effetto della cocaina. Siamo andati a prendere una pistola che avevo nascosto nel cortile di casa. Sono entrato nel bar-tabaccheria e ho puntato la pistola contro il cinese dietro il bancone. C’era un cliente, beveva il caffè. È entrato il mio complice e mentre tenevo sotto tiro il cinese mi sono accorto che suo padre aveva reagito e il mio complice era in difficoltà. Abbiamo avuto una colluttazione… Io non dormo più a casa. A volte vado in albergo, a volte dove capita. Le rapine le faccio per non gravare sui miei genitori e perché faccio uso di cocaina. Chi è il complice non ve lo dico”. Forse si tratta di più complici.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other