Conversano: litiga con la compagna e tenta di uccidere per strada il figlio di 4 mesi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Maggio 2019 13:00 | Ultimo aggiornamento: 21 Maggio 2019 13:02
Conversano: litiga con la compagna e tenta di uccidere per strada il figlio di 4 mesi (foto d'archivio Ansa)

Conversano: litiga con la compagna e tenta di uccidere per strada il figlio di 4 mesi (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Litiga con la compagna e poi, brandendo un coltello da cucina, porta il figlio di quattro mesi in strada e tenta di ucciderlo. A salvare il piccolo solo il pronto intervento dei carabinieri.

Alla fine l’uomo, un pregiudicato 40enne, è stato arrestato. Tutto è successo a Conversano, nel sud Barese.

Il 40enne ha piccoli precedenti penali nel settore delle scommesse clandestine e nel gioco di azzardo. La compagna è una cittadina marocchina di 33 anni che durante la lite, originata da problemi economici e dal rischio di sfratto, è stata insultata e picchiata. La donna e il figlio ora sono ricoverati per accertamenti al Policlinico di Bari.

Durante la lite il quarantenne si è scagliato contro il loro figlio e, con un coltello da cucina in mano, lo ha afferrato e lo ha portato via da casa. Giunto in strada ha iniziato a minacciare di uccidere il piccolo. Alcuni passanti hanno allertato il 112. I carabinieri giunti sul posto hanno tentato di calmare il 40enne senza riuscirvi.

L’uomo, infatti, ha continuato a stringere il gomito al collo del bambino con l’evidente rischio di soffocarlo. Solo l’intervento deciso dei carabinieri ha evitato il peggio. Infatti, mentre uno dei militari lo ha disarmato, l’altro è riuscito a liberare il piccolo dalla morsa. Con l’arrivo dei rinforzi il 40enne è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio, resistenza a pubblico ufficiale e porto di oggetti atti ad offendere.

Fonte: Ansa.