Coronavirus rintracciato anche nell’addome (cavità peritoneale)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Maggio 2020 14:19 | Ultimo aggiornamento: 7 Maggio 2020 14:19
Coronavirus rintracciato anche nell'addome (cavità peritoneale)

Coronavirus visto al microscopio (Ansa)

ROMA – Il coronavirus non aggredisce solo i polmoni.

Durante un intervento condotto all’ospedale di Pisa, si è scoperto che il virus si era insinuato nell’addome, precisamente nella cavità peritoneale.

Il fatto è, da una parte, preoccupante perché apre scenari inquietanti sulla sua diffusione nel corpo umano. 

Dall’altra apre anche prospettive di ricerca finora non esaminate, tanto è vero che le evidenze riscontrate sono state accolte in un report dell’università e sta per essere pubblicata sulla autorevole rivista Annals of Surgery.

“La nostra scoperta del virus nel liquido peritoneale del paziente – spiega all’Huffington Post il chirurgo Massimo Chiarugi – pone sostanzialmente tre interrogativi tutti meritevoli di ulteriori approfondimenti scientifici.

Comprendere come il virus abbia raggiunto la cavità peritoneale, qual è il significato clinico di averlo trovato in quella sede e attrezzare gli operatori sanitari con la massima protezione anche per la chirurgia addominale”.

“Saranno necessari adesso – osserva Chiarugi – approfondimenti scientifici per individuare attraverso quale via il virus ha raggiunto la cavità peritoneale e da qui comprendere se sia necessario individuare diverse modalità di cura.

Ma il nostro caso è rilevante soprattutto per informare la comunità scientifica dei rischi di infezione che potrebbero correre gli operatori sanitari non adeguatamente provvisti di dispositivi di protezione individuale”. (fonte Huffington Post)