Coronavirus, in Alto Adige scatta l’obbligo di coprirsi naso e bocca fuori casa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Aprile 2020 17:01 | Ultimo aggiornamento: 3 Aprile 2020 17:01
Masccherina, Ansa

Coronavirus, in Alto Adige scatta l’obbligo di coprirsi naso e bocca fuori casa (foto Ansa)

ROMA  L’Alto Adige introduce l’obbligo di coprire naso e bocca in caso di incontri al di fuori dell’ambiente familiare, soprattutto nei negozi.

Lo prevede l’ordinanza che il governatore Arno Kompatscher firmerà nelle prossime ore e che recepisce, tra l’altro, l’ultimo decreto nazionale.

“Mascherine e scaldacollo non escludono al 100% un’infezione, ma riducono notevolmente il rischio di contagio. Si tratta di un dovere civico”, ha spiegato Kompatscher, precisando che non sono previste multe.

L’ordinanza consente, inoltre, di lavorare “da soli in officina oppure in ufficio, escludendo però qualsiasi contatto con fornitori e clienti”.

L’ordinanza provinciale fa, infine, chiarezza sulla vendita di materiale da cartoleria nei supermercati e consente che i bambini vengano accompagnati da entrambi i genitori, quando scendono a prendere aria.

“Ma il giro dell’isolato – spiega il governatore – non deve assolutamente diventare una gita oppure un’occasione per incontrare amici”.

Inoltre, sempre in Alto Adige, i titolari possono lavorare da soli nelle loro officine oppure nei loro uffici.

“Potranno – ha detto il governatore – lavorare anche parenti stretti che vivono sotto lo stesso tetto. Resta categoricamente escluso qualsiasi contatto con fornitori e clienti”.

“Consentire ai titolari a porre le basi per la ripartenza – spiega – non rappresenta nessun rischio di contagio, ma riduce i danni per l’impresa”.

Fonte: Ansa.