Coronavirus, bagnini dovranno valutare il respiro guardando il torace della vittima

di redazione Blitz
Pubblicato il 12 Maggio 2020 22:51 | Ultimo aggiornamento: 12 Maggio 2020 22:51
bagnino torace vittima

Coronavirus, bagnini dovranno valutare il respiro guardando il torace della vittima (foto Ansa)

ROMA  – Valutare il respiro della vittima dell’incidente in mare guardando il torace senza avvicinare il proprio viso.

E’ una delle indicazioni contenute nel documento Inail-Iss appena pubblicato sulla balneazione per fronteggiare il contagio da Covid 19.

 “Per quanto concerne l’attività di salvamento in mare svolta dal “bagnino” o comunque di primo soccorso nei confronti dell’utenza – si legge – è da rilevare la necessità di attenersi alle raccomandazioni impartite dall’Italian Resuscitation Council (IRC) nonché dall’European Resuscitation Council (ERC) nell’esecuzione della rianimazione cardiopolmonare, riducendo i rischi per il soccorritore (nella valutazione del respiro e nell’esecuzione delle ventilazioni di soccorso), senza venire meno della necessità di continuare a soccorrere prontamente e adeguatamente le vittime di arresto cardiaco”.

“Nel rispetto del criterio di sicurezza, è necessario quindi considerare e valutare come proteggere contestualmente i soccorritori dal rischio di contagio. Pertanto, ogni volta che viene eseguita la rianimazione cardiopolmonare (RCP) su un adulto è necessario diffondere le indicazioni fornite da ERC e IRC come di seguito riportato. In attesa di nuove evidenze scientifiche, – conclude il documento – si raccomanda di valutare il respiro soltanto guardando il torace della vittima alla ricerca di attività respiratoria normale, ma senza avvicinare il proprio volto a quello della vittima e di eseguire le sole compressioni (senza ventilazioni) con le modalità riportate nelle linee guida” (fonte: Ansa).