Coronavirus, il bollettino del 2 luglio: in salita contagiati (+201) e morti (+30)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 Luglio 2020 18:36 | Ultimo aggiornamento: 3 Luglio 2020 8:58
Coronavirus, foto d'archivio Ansa

Coronavirus, il bollettino del 2 luglio: in salita contagiati (+201) e morti (+30) (foto Ansa)

201 nuovi casi e 30 morti.

Questi i numeri del bollettino di oggi, giovedì 2 luglio, sull’andamento della pandemia da coronavirus in Italia.

Sono 201 i nuovi contagiati di Covid-19 in Italia, in aumento rispetto a ieri quando erano stati 187.

Di questi, 98 nuovi casi di contagiati sono in Lombardia, il 48,7% del totale in Italia. Il numero totale dei casi sale così a 240.961.

Le vittime nelle ultime 24 ore sono invece 30, in aumento rispetto alle 21 di ieri. I morti per coronavirus salgono così a 34.818.

I decessi hanno riguardato pazienti di solo 4 regioni: Lombardia (21), Piemonte (5), Toscana (3) ed Emilia-Romagna (1). Tutte le altre regioni d’Italia, comprese le province autonome di Trento e Bolzano, non hanno registrato alcun decesso.

Sono 15.060 gli attualmente positivi al coronavirus in Italia, 195 meno di ieri, mentre in terapia intensiva ci sono 82 pazienti, 5 in meno di ieri.

Di questi, la metà (41) sono in Lombardia.

In 11 regioni e nelle province di Trento e Bolzano non ci sono più pazienti nelle rianimazioni.

Negli altri reparti ospedalieri in tutta Italia sono complessivamente ricoverati con sintomi 963, 62 meno di ieri, mentre in isolamento domiciliare sono 14.015, 128 in meno nelle ultime 24 ore.

I guariti e i soggetti dimessi sono invece 191.083, con un incremento rispetto a ieri di 366.

Coronavirus in Lombardia, i numeri

Con 9.440 tamponi effettuati, sono 98 i nuovi casi positivi registrati in Lombardia, per un totale di 94.088 casi.

Sono stabili i ricoverati in terapia intensiva (41) e in diminuzione quelli negli altri reparti (241, quindi 36 meno di ieri). Sono invece 21 i decessi, in aumento rispetto agli ultimi giorni, per un totale complessivo di 16.671.

Fra i positivi, 28 sono stati registrati a Milano (di cui 17 in città), 23 a Bergamo e nove a Brescia. (Fonte: Ansa).