Coronavirus, il bollettino del 28 maggio: 593 casi, il 64% in Lombardia. I morti sono 70

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Maggio 2020 18:12 | Ultimo aggiornamento: 29 Maggio 2020 8:22
Coronavirus, il bollettino del 28 maggio: 593 casi, il 64% in Lombardia. I morti sono 70

Coronavirus, il bollettino del 28 maggio: 593 casi, il 64% in Lombardia. I morti sono 70

ROMA – Rimane stabile la curva epidemica del coronavirus in Italia: 593 nuovi casi oggi, contro i 584 di ieri 27 maggio, con a pesare ancora una volta i numeri della Lombardia che da sola totalizza 382 nuovi casi, il 64% del totale del Paese.

La somma degli italiani colpiti dal virus sale a ​231.732. Torna sotto quota 100 il numero dei decessi, sceso oggi a 70 (contro i 117 di ieri), per un totale di ​33.142.

Aumentano i guariti, 3.503 oggi contro i 2.443 di ieri, e superano quota ​150mila: sono 150.604 in tutto.

Per effetto di questi dati, calo sostenuto degli attualmente positivi: sono 2.980 in meno, con il totale che scende sotto 50mila (47.986) per la prima volta dal 22 marzo.

E’ quanto emerge dal bollettino quotidiano del 28 maggio della Protezione Civile.

Prosegue costante ormai da oltre 40 giorni il calo dei ricoveri: quelli in regime ordinario scendono di 340 unità, a ​7.379, mentre le terapie intensive calano di altre 16 unità e ormai sono sotto le 500, ​489 in tutto.

Le persone in isolamento domiciliare sono ​40.118.

Infine, oggi nuovo record di tamponi: 75.893 in tutto (di cui ben 15.507 in Lombardia), con un rapporto positivi/tamponi sceso a 0,78% contro lo 0,86% di ieri).

Nel dettaglio, riferisce la Protezione Civile, i casi attualmente positivi sono 22.913 in Lombardia, 6.072 in Piemonte, 3.750 in Emilia-Romagna, 2.025 in Veneto, 1.380 in Toscana, 1.145 in Liguria, 3.405 nel Lazio, 1.346 nelle Marche, 1.012 in Campania, 1.395 in Puglia, 458 nella Provincia autonoma di Trento, 1.145 in Sicilia, 336 in Friuli Venezia Giulia, 824 in Abruzzo, 157 nella Provincia autonoma di Bolzano, 33 in Umbria, 200 in Sardegna, 23 in Valle d’Aosta, 170 in Calabria, 163 in Molise e 34 in Basilicata. (fonte AGI)