Coronavirus in Italia, il bollettino di lunedì 7 dicembre: 13.720 casi con poco più di 110mila tamponi. 528 morti

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 7 Dicembre 2020 18:25 | Ultimo aggiornamento: 8 Dicembre 2020 11:50
Terza ondata Covid ci sarà: virologi d'accordo. Crisanti e il record europeo di morti. E la Capua...

Terza ondata Covid ci sarà: virologi d’accordo. Crisanti e il record europeo di morti. E la Capua… (foto Ansa)

Coronavirus in Italia, il bollettino di lunedì 7 dicembre con i dati aggiornati forniti dal Ministero della Salute.

I nuovi positivi delle ultime 24 ore sono 13.720 con però un numero molto basso di tamponi: 111.217. Sabato erano stati 163.550 tamponi con 18.887 nuovi casi.  

Coronavirus in Italia, il bollettino. Calano i morti: sono 528

I nuovi decessi registrati sono 528 contro i 564 del giorno prima. Il totale dei morti sale a 60.606. Dei 528 deceduti, 64 vengono dal Piemonte, 57 dall’Emilia Romagna, 56 dalla Lombardia, 51 dal Veneto e 46 dal Lazio.

I nuovi dimessi/guariti sono 19.638 (933.132 in tutto), numero che fa calare gli attualmente positivi di 6.487 unità arrivando così a 748.819. Di questi, 714.913 sono in isolamento domiciliare, 6.393 meno di ieri.

Con 144 nuovi pazienti ricoverati in terapia intensiva, il saldo giornaliero scende di 72 unità, portando il totale delle persone in rianimazione a 3.382. I ricoverati nei reparti ordinari sono invece 133 in più, per un totale di 30.524 pazienti. 

Percentuale tamponi positivi al 12,30%

La percentuale di tamponi positivi sale ed arriva al 12,30%.  Il numero totale dei casi è ora di 1.742.557.

La regione più colpita è il Veneto con 2.550 casi in più, seguita da Emilia Romagna (1.890), Lombardia (1.562), Lazio (1.372) e Campania (1.060). Tre regioni sotto i cento casi (Molise, Umbria e Valle d’Aosta).

Altri tre medici uccisi dal Covid in Italia: in totale sono 233

 Altri tre medici uccisi dal Covid in Italia. Si tratta di Giuseppe Grosso, medico Asl responsabile medicina specialistica e protesica, Michele Cicchelli, pediatra, e Kassem El Malak, odontoiatra.

Il totale delle vittime tra i camici bianchi sale a 233. Lo rende noto la Fnomceo, federazione degli ordini dei medici, che sul suo portale listato a lutto tiene l’elenco aggiornato dei colleghi uccisi dal virus.

Arriva l’app per prenotare il posto per la messa di Natale

Questi i dati di oggi del contagio. Ma come si stanno organizzando, gli italiani, per passare questo insolito Natale 2020? Per aiutarli viene loro incontro anche la tecnologia.

A Montale in provincia di Pistoia è stata infatti creata un’ app per prenotare il posto in chiesa per la messa di Natale.

L’iniziativa di un gruppo di giovani della parrocchia di San Giovanni, al cui interno è presente anche un ingegnere informatico, e il parroco don Paolo Firindelli, ne è entusiasta.

“Ci sono delle norme – spiega don Firindelli – che restringono le attività e le relazioni e la prima risposta è brontolare, perché ci cambiano le nostre abitudini. Ma per non essere solo parte del problema, ma trovare anche una soluzione, bisogna pensare”.

“I miei ragazzi, specialmente uno di loro che è un ingegnere informatico, mi hanno suggerito la realizzazione di una App, attraverso la quale si può prenotare la presenza alle messe del Natale. Saranno otto le celebrazioni: due nella notte, anche se abbastanza presto a motivo del lockdown e sei la mattina”.

“L”App – spiega ancora il sacerdote – non è l’unico modo, si può telefonare o si può venire direttamente qui in parrocchia per dare la disponibilità a partecipare, comunque la App serve ad ottimizzare le presenze”.

“Sarebbe brutto, infatti, il giorno di Natale dover fare uscire o non fare entrare qualcuno che viene alla messa. In questa maniera – conclude – le celebrazioni saranno piene, fino al numero consentito dalle norme vigenti e si potrà celebrare in tutta tranquillità nel rispetto delle norme anticovid” (fonte: Ansa, Leggo, Agi).