Coronavirus, bollettino 21 maggio: 642 nuovi casi in Italia e 0 morti in 9 Regioni

di redazione Blitz
Pubblicato il 21 Maggio 2020 18:17 | Ultimo aggiornamento: 22 Maggio 2020 9:39
Coronavirus, bollettino 21 maggio: 642 nuovi casi e 0 morti in 9 Regioni

Coronavirus, bollettino 21 maggio: 642 nuovi casi e 0 morti in 9 Regioni

ROMA – Resta stabile e in costante ribasso la curva epidemica in Italia. Oggi, 21 maggio, si registrano 642 nuovi casi di coronavirus, di cui la metà in Lombardia, che da sola ne totalizza 316, contro i 665 di ieri.

Sono i dati forniti dal bollettino quotidiano della Protezione civile. Numeri che portano il totale delle persone che hanno contratto il virus dall’inizio dell’epidemia a 228.006.

E per la prima volta in ben 9 Regioni non si registrano decessi nelle ultime 24 ore: si tratta di Valle d’Aosta, Provincia di Trento, Provincia di Bolzano, Umbria, Molise, Puglia, Calabria, Basilicata e Sicilia, con Calabria e Bolzano che totalizzano anche zero nuovi casi. 

I morti sono 156 contro i 161 di ieri, per un totale di ​32.486, mentre i guariti sono 2.278 (ieri 2.881), ​​134.560 in tutto.

Per effetto di questi dati, continuano a diminuire gli attualmente positivi, 1.792 in meno oggi, scendendo a ​60.960.

Intanto prosegue, ormai da quasi un mese e mezzo, il calo costante dei ricoveri: quelli in regime ordinario scendono di 355 unità, ​9.269 totali, mentre le terapie intensive sono 36 in meno, 640 totali.

Le persone in isolamento domiciliare sono ​51.051.

Infine, quest’oggi è molto alto il numero di tamponi effettuati: sono 71.679 (contro i 67.196 di ieri), con un rapporto positivi-tamponi che crolla sotto l’1% a 0,9, mai così basso dall’inizio dell’epidemia. 

Tra gli attualmente positivi, 640 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di 36 pazienti rispetto a ieri.

Nel dettaglio, i casi attualmente positivi di Coronavirus sono 26.715 in Lombardia, 8.710 in Piemonte, 4.926 in Emilia-Romagna, 3.286 in Veneto, 1.877 in Toscana, 2.075 in Liguria, 3.637 nel Lazio, 1.832 nelle Marche, 1.373 in Campania, 1.839 in Puglia, 66 nella Provincia autonoma di Trento, 1.522 in Sicilia, 578 in Friuli Venezia Giulia, 1.272 in Abruzzo, 250 nella Provincia autonoma di Bolzano, 61 in Umbria, 318 in Sardegna, 43 in Valle d’Aosta, 326 in Calabria, 194 in Molise e 60 in Basilicata. (Fonte Ansa)