Coronavirus, positivi al comizio di Salvini al ristorante di Terracina

di redazione Blitz
Pubblicato il 5 Ottobre 2020 10:36 | Ultimo aggiornamento: 6 Ottobre 2020 7:16
Coronavirus, positivi al comizio di Salvini al ristorante Il Tordo di Terracina. Ora è boom di casi

Coronavirus, positivi al comizio di Salvini al ristorante Il Tordo di Terracina. Ora è boom di casi (Foto Ansa)

Boom di contagi in provincia di Latina. I sospetti sul comizio elettorale di Salvini a Terracina

Impennata di casi positivi al Covid nella Asl di Latina dove, a seguito di indagini epidemiologiche, si dovrebbe andare verso minilockdown mirati per spegnere diversi focolai. E i sospetti sorgono anche sul comizio elettorale a cui ha preso parte il leader della Lega, Matteo Salvini. 

Era il 25 settembre scorso quando, un centinaio di persone si sono radunate a Terracina per la manifestazione elettorale di Salvini a sostegno del suo candidato sindaco Valentino Giuliani. 

Quel giorno c’era un forte temporale e le persone presenti al comizio si sono poi radunate all’interno di un ristorante. Tutti indossavano mascherine, ma secondo alcuni testimoni, molti la portavano calata sotto il naso o le abbassavano per prendere la parola.

A meno di 14 giorni da quell’appuntamento sono esplosi i contagi in terra pontina. Si contano 73 positivi in 20 comuni diversi. Molti contagi hanno link familiari con feste, comunioni e battesimi. 

Tra i positivi anche uno degli organizzatori del comizio del 25 settembre. 

“E’ un aumento preoccupante – ha detto il direttore generale della Asl Giorgio Casati – In questo momento, fino a quando non ci sarà un quadro chiaro, invito a uscire solo in caso di necessità e a evitare le uscite superflue”.

Dalla Asl spiegano che non c’è un “cluster specifico”, ma secondo quanto riferisce il quotidiano la Repubblica, le autorità locali temono che proprio la cena elettorale al Tordo possa essersi trasformata in un maxi cluster. 

L’Asl sta intanto pensando anche di organizzare un drive in, per effettuare tamponi a tappeto. Prima che scoppi un caso Terracina. (Fonti: Ansa, Repubblica).