Coronavirus, fugge ai controlli a Firenze su una moto rubata: scatta l’inseguimento e la denuncia

di redazione Blitz
Pubblicato il 9 Aprile 2020 14:36 | Ultimo aggiornamento: 9 Aprile 2020 14:38
Coronavirus, fugge ai controlli a Firenze su una moto rubata: scatta l'inseguimento e la denuncia

Coronavirus, fugge ai controlli a Firenze su una moto rubata: scatta l’inseguimento e la denuncia (Foto archivio Ansa)

FIRENZE  –  Per evitare un posto di blocco per il controllo del rispetto delle norme anti coronavirus è fuggito in sella alla sua moto ad una velocità pericolosa. Alla fine la polizia lo ha denunciato per resistenza a pubblico ufficiale. 

Protagonista, un uomo fiorentino di 45 anni. Intorno alle 15:30 di mercoledì 8 aprile i motociclisti dei Falchi della Squadra Mobile della Questura di Firenze, impegnati nei servizi per il contenimento del Covid-19 nella città, hanno notato l’uomo fermo su una motocicletta in via dello Scalo.

Non appena gli agenti in borghese si sono qualificati per procedere al controllo, il conducente della moto è fuggito ad alta velocità. I poliziotti si sono lanciati subito al suo inseguimento, scoprendo nel frattempo dalla Sala Operativa 113 che nel 2011 era stato denunciato il furto di quella moto. 

Il fuggitivo ha raggiunto Scandicci e lì è entrato nel centro attorno al Comune Vecchio. Da quel momento ha iniziato a svoltare repentinamente nelle vie, incurante di alcune persone che stavano camminando. Ad un certo punto è addirittura entrato, a tutta velocità, in un cantiere stradale di Via di Ugnano, chiuso per il rifacimento dell’asfalto, dove alcuni operai stavano lavorando, rischiando di travolgerli.

Gli agenti hanno deciso di sorprendere direttamente il conducente a casa sua. Qui lo hanno sorpreso ancora con gli stessi abiti dell’inseguimento e lo hanno denunciato. Il mezzo è stato sequestrato. 

Nei confronti dell’uomo sono scattate anche diverse multe per le violazioni al codice della strada e la sanzione per aver violato le vigenti disposizioni per il contenimento del Covid-19, essendosi arbitrariamente allontanato dal Comune di residenza. (Fonte: Agi)