Coronavirus, vince De Luca. Il Tar: in Campania no passeggiate e jogging

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Marzo 2020 14:08 | Ultimo aggiornamento: 18 Marzo 2020 14:08
Jogging, Ansa

Coronavirus, vince De Luca. Il Tar: in Campania no passeggiate e jogging (foto Ansa)

ROMA – Alla fine ha vinto De Luca. In Campania, per contenere i contagi da coronavirus, sarà vietato passeggiare e fare jogging.

Il Tar Campania ha respinto il ricorso presentato contro l’ordinanza del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ordinanza con la quale si vieta, per contenere il contagio, di passeggiare e fare jogging.

Il Tar Campania, con il decreto cautelare monocratico depositato oggi, ha respinto l’istanza cautelare di sospensione dell’ordinanza del Presidente della Regione (del 13 marzo) e del Chiarimento (del 14 marzo).

Ordinanze che non consentono, tra l’altro, l’attività sportiva all’aperto ritenendola non compatibile con esigenze sanitarie, perché visto “il rischio di contagio, ormai gravissimo sull’intero territorio regionale” e il fatto che i “dati che pervengono all’Unità di crisi istituita con Decreto del Presidente della Giunta regionale della Campania dimostrano che, nonostante le misure in precedenza adottate, i numeri di contagio sono in continua e forte crescita nella regione” va data “prevalenza alle misure approntate per la tutela della salute pubblica”.

Tradotto dal burocratese: ha vinto De Luca. Vietato, quindi, andare a passeggiare e fare jogging.

I giudici amministrativi hanno fissato la trattazione collegiale per “la camera di consiglio del 21 aprile 2020”.

Quindi… restate a casa il più possibile.

Fonte: Ansa.