Coronavirus, scatta il divieto del bagaglio a mano a bordo degli aerei

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Giugno 2020 20:30 | Ultimo aggiornamento: 25 Giugno 2020 20:32
divieto dei bagagli a bordo negli aerei

Coronavirus, scatta il divieto del bagaglio a mano a bordo degli aerei (foto Ansa)

ROMA – L’Enac, l’Ente nazionale per l’aviazione civile, ha inviato una note a tutte le compagnie aeree che operano in Italia in cui annuncia che da giovedì 25 giugno non sarà più consentito l’imbarco a bordo con trolley o borsoni.

Il bagaglio a mano è vietato per ragioni sanitarie legate all’emergenza da coronavirus. 

Ai passeggeri è consentito di portare a bordo solo bagagli di dimensioni tali da essere essere posizionati sotto il sedile di fronte al posto assegnato.

Non è quindi consentito a nessun titolo l’utilizzo delle cappelliere.

Enac, la nota alle compagnie che operano in Italia

Nella nota inviata ai maggiori vettori aerei italiani, l’Enac ribadisce una serie di regole che devono essere rispettate a bordo.

Per quanto riguarda la misurazione della temperatura, il controllo deve essere effettuato prima dell’accesso all’aeromobile.

Se la temperatura supera i 37,5° deve essere vietato l’accesso a bordo.

Se il passeggero è stato sottoposto alla misurazione all’ingresso dell’aerostazione e comunque prima dell’imbarco non è necessario un ulteriore controllo.

Coronavirus, l’autocertificazione da compilare a bordo

Prima di partire, al passeggero viene richiesta un’autocertificazione.

Il modello è stato fornito dal ministero della Salute e viene consegnato dalla compagnia al passeggero preferibilmente via mail.

Il passeggero deve compilare questa autocertificazione e riconsegnarla alla compagnia sempre preferibilmente via mail. 

Tale autocertificazione deve attestare che

“Il passeggero non ha avuto contatti stretti con persone affette da patologia Covid-19 negli ultimi due giorni, prima dell’insorgenza dei sintomi e fino a 14 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi”.

L’Enac spiega ancora che, al fine della tracciabilità dei contatti

“Al passeggero viene richiesto di comunicare (…)  al vettore e alla Autorità sanitaria territoriale competente, l’insorgenza di sintomatologia da coronavirus”.

Tale sintomatologia deve essere

“comparsa entro 8 giorni dallo sbarco dall’aeromobile”.

L’ente di volo italiano ricorda ancora che l’obbligo di distanziamento a bordo deve essere rispettato da tutti i vettori a prescindere dalla nazionalità.

Tutte le condizioni per derogare al distanziamento devono sussistere contemporaneamente.

Nel caso in cui anche una sola delle condizioni non sia osservata, il distanziamento deve essere mantenuto (fonte: Ansa, Yahoo).