Coronavirus rafforza la famiglia: Cari genitori…lettera da Vienna di un figlio emigrato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Marzo 2020 12:28 | Ultimo aggiornamento: 24 Marzo 2020 21:43
Coronavirus rafforza la famiglia: Cari genitori...lettera da Vienna di un figlio emigrato in Austria

Una veduta di Vienna nella foto d’archivio Ansa

ROMA – Coronavirus rafforza la famiglia. La lontananza e i vincoli imposti dalle misure anti pandemia fanno scattare riflessi sentimentali che la routine sembrava avere assopito.

Ne è un esempio questa lettera, inviata da Pietro Del Giudice ai genitori.

Pietro Del Giudice ha 28 anni. è laureato in economia politica, ha fatto la triennale alla Sapienza di Roma e la specialistica all’università di Vienna, dove adesso vive e lavora.

Suo padre, Antonio Del Giudice, è un giornalista della vecchia generazione; dopo avere lavorato a Repubblica, ha percorso una importante carriera nei giornali locali del fu gruppo Espresso: è stato condirettore della Gazzetta di Mantova e del Centro di Pescara-

Questo il testo della lettera ai genitori di Pietro Del Giudice.

Cari miei,

mi mancate molto tutti ed è difficile comunicare quanta tristezza riempia il mio cuore in questi giorni.

Il mio Paese sta vivendo una vera tragedia e voi, le persone più importanti della mia vita, siete lontani, irraggiungibili, almeno fisicamente.
In questi giorni siamo chiusi, quasi prigionieri, e abbiamo tempo per pensare a noi stessi, per conoscere noi stessi. Allora voglio mandarvi un pensiero da lontano, nella speranza che vi raggiunga e possa supportarvi in questi giorni di isolamento non solo del corpo, ma anche dell’anima. Vorrei farvi sentire la mia vicinanza, il mio affetto, con poche parole che ho sentito di volervi scrivere.

Io qua sto bene. Christina è la mia luce ogni giorno e ci diamo grande forza a vicenda. L’unica cosa che mi manca veramente è potervi vedere e sapere quando potrò riabbracciarvi. 
L’Italia sta vivendo una fase drammatica, tragica. Io amo il mio paese, ma lo amo per le meravigliose esperienze di vita che voi mi avete regalato in esso: da ogni estate al mare a ogni pranzo della domenica, da ogni vacanza insieme a ogni passeggiata al sole sotto casa. 

Il mio amore per la vita lo devo a voi e di questo volevo ringraziarvi. La lontananza non potrà mai rompere questo filo invisibile che ci lega tutti.

Fatevi forza! Non vedo l’ora di abbracciarvi 🙂

Vi voglio bene e vi penso sempre.

Pietro