Coronavirus, cominciano a mancare i farmaci negli ospedali

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Marzo 2020 14:42 | Ultimo aggiornamento: 19 Marzo 2020 14:42
Coronavirus, cominciano a mancare i farmaci negli ospedali

Coronavirus, cominciano a mancare i farmaci negli ospedali

ROMA – Coronavirus, cominciano a mancare i farmaci negli ospedali. “L’improvviso incremento della domanda per i farmaci utilizzati nelle terapie ospedaliere dei pazienti ricoverati a causa dell’epidemia ha generato delle carenze”. E’ l’allarme dell’agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) che sottolinea di essere a lavoro con le aziende, mediante il supporto costante di Farmindustria e Assogenerici, per mettere a punto “soluzioni eccezionali ed emergenziali”.

L’agenzia, si legge sul sito dell’Aifa, “segue il problema raccordandosi costantemente con le Regioni e le Province autonome, cui tutte le strutture territoriali sono invitate a rapportarsi per la valutazione e l’inoltro ad Aifa di segnali, dando priorità ai casi urgenti di irreperibilità per i quali siano già stati espletati tutti i passaggi previsti con gli aggiudicatari delle gare regionali”. I messaggi che riguardano le carenze possono essere inviati alla mail unica di riferimento, farmacicarenti@aifa.gov.it.

 In Italia i contagiati sono oltre 30mila, i morti più di tremila. L’emergenza sta mettendo in ginocchio intere regioni, in particolare la Lombardia. L’Italia è il paese più colpito dopo la Cina e anche quello che per primo in Occidente ha messo in campo misure straordinarie, decidendo la chiusura di tutti gli esercizio commerciali non essenziali e chiedendo alla popolazione di limitare gli spostamenti. Un modello che stanno iniziando a imitare in tutto il mondo. (Fonte Aifa).