Coronavirus, i furbetti: chi “sono vaccinato”, chi porta il cane a spasso…sul bus

di Alessandro Avico
Pubblicato il 8 Aprile 2020 13:51 | Ultimo aggiornamento: 8 Aprile 2020 13:51
Coronavirus, i furbetti: chi "sono vaccinato", chi porta il cane a spasso...sul bus

Coronavirus, i furbetti: chi “sono vaccinato”, chi porta il cane a spasso…sul bus (Foto Ansa)

Coronavirus, i furbetti: chi "sono vaccinato", chi porta il cane a spasso...sul bus

Coronavirus, i furbetti: chi “sono vaccinato”, chi porta il cane a spasso…sul bus (Foto Ansa)

ROMA – C’è chi dice di essere già vaccinato contro il coronavirus. C’è chi porta a spasso il cane sull’autobus. Chi parte da Cuneo per andare al mare in Liguria. Insomma, non si placa il numero di persone che infrange le norme disposte per evitare il propagarsi del virus. 

Solo nella giornata di martedì 279.864 controlli di persone in giro e 9.999 denunce per violazione dei divieti anti-contagio, 46 per false dichiarazioni, 29 per violata quarantena. Gli esercizi commerciali controllati sono stati 99.622: 171 i titolari sanzionati, per 44 è stata disposta la chiusura.

Il colonnello dei carabinieri Giuseppe Mazzullo, capo della sala operativa del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, fa il quadro della situazione dell’ordine e della sicurezza pubblica in Italia. “Gli italiani sono molto disciplinati ma hanno molta fantasia” ha spiegato infatti l’ufficiale ai microfoni di Rai Radio2 intervenendo nel corso della trasmissione “I Lunatici”.

“Abbiamo raccolto ogni tanto qualche giustificazione che non reggeva”, ha rivelato Mazzullo, raccontando: “L’ultimo è un ragazzo che sosteneva di essere già vaccinato. Poi un altro andava alla ricerca di Pokemon. Qualcuno porta a spasso il cane, ma lo porta a spasso su un autobus. Insomma, giustificazioni che non sembrano sostenere una ragione per la quale valga la pena uscire fuori di casa”.

C’èperò la maggioranza degli italiani che si spostano effettivamente solo per necessità. “I numerosi controlli che vengono svolti ogni giorno per il rispetto delle prescrizioni previste dalle autorità centrali per frenare il fenomeno dell’epidemia in generale dimostrano proprio questo. Ogni giorno vengono controllate circa 250mila persone e sono pochissime, tra queste, quelle che poi risultano essere in giro senza avere un valido motivo”, ha sottolineato il colonnello Mazzullo. (Fonti I Lunatici e Ansa).