Coronavirus, Garattini: “Prevediamo 40mila casi in una settimana”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Marzo 2020 12:08 | Ultimo aggiornamento: 17 Marzo 2020 12:08
Coronavirus, Garattini: "Prevediamo 40mila casi in una settimana"

Coronavirus, Garattini: “Prevediamo 40mila casi in una settimana” (Foto Ansa)

ROMA – La previsione è quella di arrivare, entro sette giorni, ad almeno 40mila casi. Così Silvio Garattini, fondatore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano, in un’intervista al Messaggero sul coronavirus. “La realtà ci fa da maestra. Credo di essermi anche tenuto basso – dice rispetto alla previsione – ora, e ancora per una settimana, verranno fatte le diagnosi in persone che non vivevano nella zona rossa come noi gran parte di noi in Lombardia. Persone che si sono infettate in tempi recenti”.

E poi sugli asintomatici: “Certo, quelli non possiamo contarli ma sono sicuramente un gran numero”. Altre restizioni? La chiusura dei “centri produttivi, delle fabbriche” sarebbe “una catastrofe sotto tutti i punti di vista”.

Sul declino del numero dei contagiati: “Dobbiamo dividere il Paese in tre zone, Nord, Centro e Sud. E poi seguire l’andamento del virus. In Lombardia non si è ancora arrivati al picco. Poi arriverà al Centro e poi al Sud dove, in termini numerici, si è indietro rispetto all’inizio dell’epidemia di tre-quattro settimane”.

I tamponi “devono essere mirati, su chi è a rischio e su gli operatori sanitari. Non possiamo permetterci di investire energie e risorse a pioggia. Si ammalano più gli uomini delle donne. Il rapporto è di 70 a 30. Perché le donne hanno generalmente fumato di meno nel passato e questo ora torna a loro vantaggio. La vulnerabilità polmonare dovuta alle sigarette è meno diffusa tra le femmine. Purtroppo ora le giovani generazioni si comportano in un altro modo, lui e lei arriveranno nel futuro a rischiare allo stesso modo. Anche per il cancro”.

A proposito delle terapie: “Si sta studiando anche un farmaco che venne usato per Ebola. In Cina le ricerche sono in fase avanzata. Poi c’è l’ anticorpo che stanno valutando nei laboratori in Olanda”. La prima arma di prevenzione, conferma Garattini, è l’isolamento. Attenzione però a ritornare alla vita di prima “senza avere il via libera dagli organi sanitari. Sarebbe la catastrofe“.