Coronavirus, il bollettino del 28 gennaio: 143.898 nuovi casi e 378 morti. Speranza: “Nessuna Regione cambierà colore”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Gennaio 2022 17:27 | Ultimo aggiornamento: 28 Gennaio 2022 17:34
Coronavirus, il bollettino del 28 gennaio: 143.898 nuovi casi e 378 morti. Speranza: "Nessuna Regione cambierà colore"

Coronavirus, il bollettino del 28 gennaio: 143.898 nuovi casi e 378 morti. Speranza: “Nessuna Regione cambierà colore” (foto Ansa)

143.898 nuovi casi e 378 morti nelle ultime 24 ore: questi i numeri del bollettino di oggi, venerdì 28 gennaio, sulla situazione della pandemia in Italia.

Tasso di positività al 13,7%

Sono 1.051.288 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore. Giovedì erano stati 1.039.756. Il tasso di positività è al 13,7%, in calo rispetto al 15% di giovedì. Sono invece 1.630 le terapie intensive, 15 in meno di giovedì nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 126. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 19.796, ovvero 57 in meno rispetto a giovedì.

I numeri totali

Dall’inizio della pandemia sono 10.683.948 gli italiani contagiati dal Covid. Gli attualmente positivi sono 2.668.828, in diminuzione di 37.625 nelle ultime 24 ore mentre i morti sono 145.537. I dimessi e i guariti sono invece 7.869.583 con un incremento di 181.594 rispetto a giovedì.

Il ministro Speranza: “Nessuna Regione cambierà colore”

“Oggi non firmo nessuna ordinanza: nessuna Regione cambia colore, non succedeva da tante settimane”. Lo dice il ministro della Salute Roberto Speranza parlando con i giornalisti alla Camera.

Variante Omicron del Covid, è stata sequenziata per la prima volta in Italia

Grazie alla segnalazione del Laboratorio di Igiene del Policlinico san Martino diretto dal professor Icardi, è stata sequenziata, per la prima volta in Italia, la variante Omicron 2.

Due i casi accertati, uno dopo il sequenziamento di routine al San Martino, il secondo invece è emerso dal sequenziamento di un campione derivante dal monitoraggio nazionale, che coinvolge il nostro Laboratorio.