Coronavirus in Italia, bollettino venerdì 23 aprile: 14.761 positivi, 342 morti. Sotto 3mila pazienti in intensiva

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 23 Aprile 2021 18:38 | Ultimo aggiornamento: 23 Aprile 2021 20:34
coronavirus in italia, foto ansa

Coronavirus in Italia, bollettino venerdì 23 aprile: 14.761 positivi, 342 morti. Sotto 3mila pazienti in intensiva (foto Ansa)

Coronavirus in Italia, il bollettino di oggi, venerdì 23 aprile. Sono 14.761 i positivi al test del Covid-19 in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati forniti del ministero della Salute.

Ieri, i nuovi casi accertati erano stati 16.232. Sono invece 342 le vittime in un giorno: in leggero calo rispetto alle 360 di ieri. In totale i casi dall’inizio dell’epidemia sono 3.935.703, i morti 118.699. Gli attualmente positivi sono 465.543 (-6.653 rispetto a ieri), i guariti e dimessi 3.351.461 (+21.069).

Coronavirus in Italia, 315.700 tamponi: tasso sale al 4.7%

Sono 315.700 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia. Ieri i test erano stati 364.804. Il tasso di positività è del 4,7%, in aumento rispetto al 4,4% di ieri.

Terapie intensive sotto i 3mila ricoveri

Dopo oltre un mese, tornano a scendere per la prima volta sotto i 3.000 i ricoveri in terapia intensiva per covid in Italia: sono 2.979 i pazienti in rianimazione, in calo di 42 unità rispetto a ieri nel saldo giornaliero tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono stati 153 (ieri 174). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 21.440 persone (22.094) persone, in calo di 654 rispetto a ieri.

In Lombardia continua il calo dei ricoveri

Con 46.840 tamponi effettuati, sono 2.304 i nuovi positivi in Lombardia, con il tasso di positività stabile al 4.9% (ieri 4.8%). Continuano a calare i posti letto occupati sia in terapia intensiva (-9, 644) che negli altri reparti (-167, 4.185). I decessi sono 57 per un totale complessivo di 32.569 morti in regione dall’inizio della pandemia. 

Lazio aprire a prenotazioni per gli under 60: primi quelli con patologie

Il Lazio aprirà le prenotazioni per gli under 60 dando la precedenza a chi ha patologie: martedì, ovvero lunedì a mezzanotte, saranno aperte le prenotazioni per chi ha patologie e un’età compresa tra i 50 ei 59 anni. Seguiranno le prenotazioni per chi ha 58-59 anni.

La Regione ha deciso di aprire prima le prenotazioni a chi ha meno di 60 e ha patologie, piuttosto che per la platea della prima classe d’ età, dopo che il commissario Figliuolo aveva avvisato le regioni che prima di passare ai 50enni bisognava avere completato le vaccinazioni delle persone più fragili e le classi d’età più a rischio “in proporzione tale da garantire la loro messa in sicurezza”. 

Per questo motivo la Regione permetterà agli under 60 con patologie di prenotarsi prima dei 58-59enni che comunque seguiranno subito dopo nel cronoprogramma delle prenotazioni. Intanto sono già oltre 50 mila le prenotazioni partite oggi per 5 nuovi hub a Roma: Cinecittà studios, Porta di Roma, via Quirino Majorana, Vela Calatrava a Policlinico Tor Vergata, outlet di Valmontone.