Coronavirus, in Veneto tutte le scuole chiuse fino al 1 marzo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Febbraio 2020 15:01 | Ultimo aggiornamento: 23 Febbraio 2020 15:01
Coronavirus, in Veneto tutte le scuole chiuse fino al 1 marzo

Coronavirus, in Veneto tutte le scuole chiuse fino al 1 marzo (foto ANSA)

VENEZIA – Tutte le scuole del Veneto, di ogni ordine e grado, saranno chiuse a causa della presenza del Coronavirus fino al primo marzo. Lo prevede l’ordinanza cofirmata dal Governatore del Veneto, Luca Zaia, e dal ministro della Salute Roberto Speranza.

Se la situazione sanitaria non dovesse migliorare lo stop potrebbe essere prolungato ulteriormente. “Sappiamo di creare un grave disagio per tutti – ha detto Zaia – ma la salute viene prima di tutte, non avrei mai voluto firmare un documento del genere è l’atto più difficile che un presidente di Regione possa prendere”. “E’ per un sacrificio – ha aggiunto – che spero venga capito, la salute viene prima di tutto”. 

Coronavirus, presidi: “Maggiore chiarezza su gite”

L’Associazione nazionale presidi (ANP) chiede che sia fatta immediata “chiarezza sulla questione viaggi di istruzione”. Il decreto-legge approvato ieri dal Consiglio dei Ministri prevede infatti che sia il Presidente del Consiglio, su proposta del Ministro dell’istruzione, a disporre la sospensione degli stessi “ma non attribuisce alcun potere di intervento immediato ai dirigenti scolastici nelle more della sospensione”, osservano i dirigenti scolastici.

“In particolare, non è chiaro su quale soggetto ricadrebbero i costi delle sospensioni adottate nel frattempo. Per evitare l’apertura di contenziosi sfavorevoli per le scuole – e per le tasche dei genitori – chiediamo che il Ministero chiarisca immediatamente cosa devono fare i numerosi colleghi che già in queste ore hanno numerose partenze programmate, generalmente per mete non interessate dal contagio. I Dirigenti dello Stato sono pronti a gestire le emergenze ma devono avere la sicurezza di farlo secondo le previsioni – anche approvate con urgenza – di legge”, conclude l’Anp. (fonte ANSA)