Coronavirus, l’infermiera stremata: “Quella notte è successo di tutto”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Marzo 2020 10:34 | Ultimo aggiornamento: 10 Marzo 2020 10:37
Coronavirus, Ansa

Coronavirus, l’infermiera stremata: “Quella notte è successo di tutto”

ROMA – Stremata con la testa sulla scrivania e con indosso ancora mascherina e camice.

Ha fatto il giro del mondo la foto dell’infermiera dell’ospedale di Cremona che in queste ore è diventata uno dei simboli della lotta del nostro personale sanitario contro l’emergenza coronavirus.

Lei, l’infermiera, si chiama Elena Pagliarini e, intervistata da Repubblica, ha spiegato che, dopo la pubblicazione della foto sul web, “mi hanno chiamato e mi chiamano in tanti per ringraziarmi. In un periodo normale mi avrebbero criticato“.

“Quella notte ero stremata – dice – scusate se sono crollata prima della fine del turno“.

“Avevo iniziato il turno in pronto soccorso alle nove della sera prima – racconta – erano le sei del mattino. Ma quella notte era successo di tutto. La sala era piena di pazienti spaventati, con moltissime persone in insufficienza respiratoria molto grave. Gente di tutte le età, la febbre saliva in modo repentino. La cosa che mi colpiva di più era che non dicevano nulla: erano nel letto e tacevano. Però avevano gli occhi della paura”.

“Fino a pochi giorni – spiega ancora – fa la Cina era in televisione, ora è arrivata da noi. Da quando la mia foto ha fatto il giro del mondo tutti mi chiamano, tutti vogliono sapere. Ma io vivo nelle retrovie, fuori dai riflettori. In questo ospedale lavoriamo tutti insieme, se riusciamo a salvare le persone è perché siamo un grande gruppo”.

Fonte: La Repubblica.